A3

100 Scialoja: azione e pensiero - A3 del 21/3/2015

  • Andato in onda:21/03/2015
  • Visualizzazioni:

      Scialoja ha lasciato una grande produzione culturale, innanzitutto quella pittorica, ma nel suo genio ha attraversato la cultura in tante delle sue dimensioni, dalla saggistica al suo lungo fondamentale lavoro di docente dell’Accademia di Belle Arti di Roma, alla poesia al teatro. Giudicato tra i maestri del nostro secondo Novecento, ha intrecciato relazioni con l’arte e gli artisti di tutto il mondo e insieme formato e influenzato col l’insegnamento e i suoi lavori tanta parte dei pittori romani.

      La mostra – su progetto, direzione scientifica e coordinamento dei ricercatori di Simonetta Lux – sarà un importante punto di avvio della stagione 2015 del Museo civico dedicato all’arte contemporanea. "

      Toti Scialoja è stato un uomo in grado di avvertire tutte le contraddizioni e i mille spunti che solo un figlio del ‘900 può percepire, distinguere e infine tradurre in arte.

      La sua opera fu piena di sfaccettature e non sempre riconducibile ad un unico settore espressivo: il maestro fu essenzialmente un pittore (non a caso per molti anni insegnò presso l’Accademia di Belle Arti di Roma), ma è indubbio che svolse anche il ruolo dell’intellettuale (molti i suoi saggi ancora in vendita nelle librerie italiane), ed infine divenne pure un poeta e un commediografo (si pensi a “L’opera dello straccione” e a “I segni della corda“).

      Commenti

      Riduci