In evidenza

Televisioni Digitali

"Le Nuove Sofa-Tv.... e non solo"

1° Rapporto 2007 Osservatorio New Tv - Scool of Management - Politecnico di Milano - Dipartimento di Ingegneria Gestionale.

Presentati i risultati della Ricerca dell’Osservatorio New Tv sulle televisioni digitali

Sofa, Desktop, Hand:

le nuove declinazioni della Tv

Il concetto di Tv, così come si è inteso per decenni, sta profondamente cambiando a seguito dell'introduzione delle nuove piattaforme digitali. Per la prima volta in Italia si dispone di una fotografia dettagliata del settore scattata sotto diversi punti di vista: il valore del mercato, i diversi modelli di business, l'analisi dei contenuti e dei palinsesti e i principali trend in atto.

Durante il Convegno "Televisioni Digitali: le nuove Sofa Tv...e non solo", organizzato dall'Osservatorio New TV della School of Management del Politecnico di Milano, sono stati presentati i risultati della prima Ricerca dell'Osservatorio basata sull'analisi di circa 1500 canali relativi a tutte le 6 piattaforme digitali attualmente disponibili (Dtt, IpTv, Sat Tv, Web Tv, Mobile Tv su rete Dvb-h e su rete cellulare) e su oltre 50 casi di studio realizzati mediante interviste dirette alle più significative imprese operanti nei diversi stadi di questa filiera.

È molto importante chiarire innanzitutto il concetto di "nuove" televisioni alla base di questa analisi. Per "nuove" televisioni intendiamo tutte quelle televisioni rivolte al consumatore finale e che sono abilitate dalle tecnologie digitali, indipendentemente dal format di aggregazione e strutturazione dei contenuti Video e dalle occasioni e modalità di fruizione. Rientrano in questa definizione, quindi, tipologie di televisioni molto diverse tra loro: da quelle "tradizionali", basate su palinsesti lineari, la cui unica novità sta nella piattaforma di trasmissione (digitale invece che analogica), a quelle più innovative, basate su contenuti On demand editoriali oppure generati dagli utenti.

"Questa prima fotografia del complesso e variegato mercato delle Tv digitali - afferma Andrea Rangone, Responsabile Scientifico Osservatorio "New Tv" della School of Management del Politecnico di Milano - evidenzia come, a fronte del fiorire incessante di canali televisivi digitali da fruire tramite Internet, il mercato sia ancora pesantemente, in termini di fatturato, in mano agli operatorio televisivi attivi soprattutto in quelle che abbiamo definito Sofa Tv. Le 444 Sofa Tv, infatti, registrano un fatturato di circa 2,4 miliardi di euro, pari circa al 97% del mercato totale delle televisioni digitali. La concentrazione è ancora più evidente se si pensa che delle Sofa Tv, il 92% del fatturato è realizzato dalle televisioni satellitari, Sky in testa. Per quanto sia difficile fare una stima del fatturato delle Desktop Tv (che include tutti i canali Video fruibili tramite Web) e delle Hand Tv (che include le offerte disponibili sulle piattaforme mobili), possiamo dire che nel 2006 si sia aggirato nell'intorno di qualche decina di milioni di euro, con una certa prevalenza delle Hand Tv."

"Il quadro evidenzia quindi chiaramente - ha concluso Umberto Bertelè, Presidente della School of Management del Politecnico di Milano - come, ancora una volta, il canale Internet fatichi a trovare un modello di business adeguato al suo sviluppo, anche se si registra negli ultimi anni una forte crescita della pubblicità sul Web. Sono oltre 800 i canali che abbiamo censito sul Web, ma di questi solo poco più di 500 hanno un'offerta adeguata. Gli attori del mercato, inoltre, cambiano profondamente a seconda dell'ambito considerato. Troviamo infatti i broadcaster televisivi nel settore delle Sofa Tv, troviamo editori tradizionali (49%), pure player (37%), editori web (8%) e enti pubblici e istituzioni (6%) nel campo delle Desktop Tv. Assolutamente in mano agli operatori di Telecomunicazione sono le Hand Tv.

Il mercato è quindi molto complesso non solo rispetto ai diversi modelli di business esistenti, ma anche rispetto alla tipologia di operatori presenti e alle diverse piattaforme tecnologiche digitali utilizzate. C'era assoluto bisogno di una classificazione che facesse ordine in questo mercato allargato in cui i media tradizionali e nuovi si contendono lo share of time dell'utente e lo share of advertising delle imprese. Un mercato variegato ad altissimo indice di concorrenzialità che doveva essere assolutamente analizzato e classificato per poter meglio comprendere i numerosi e complessi cambiamenti in atto."

La visione presentata attraverso questa Ricerca è volutamente a spettro molto ampio; nell'ambito dei canali censiti è importante sottolineare che la reale offerta On demand è presente solo sulle piattaforme intrinsecamente Ip: IpTv (tra le Sofa-Tv), Mobile Tv su rete cellulare (tra le Hand-Tv) e Web Tv, e che sono molto diversi gli sforzi progettuali realizzati ad hoc per canali specifici per ciascuna piattaforma.

Rai.it

Siti Rai online: 847