Procedimento: In primavera molti hanno qualche difficoltà ad addormentarsi. Possono soffrire di insonnia per più notti e avere poi problemi di attenzione e un calo energetico nella giornata successiva. Anche un'alimentazione ec-cessiva o disordinata può favorire il problema, e oggi vediamo se è possibile sconfiggere l'insonnia anche con l'aiuto dei cibi giusti. Daremo ai cibi i colori del nostro "SEMAFORO DEL BENESSERE" che ci indicherà la STRADA GIUSTA VERSO IL BUON SONNO. VERDE = "OK, VIA LIBERA" GIALLO = "ATTENZIONE, NON ESAGERARE'' ROSSO = "STOP! EVITARE'' Secondo l'AIMS (Associazione Italiana Medicina del Sonno) 12 milioni di italiani soffrono di disturbi del sonno, all'origine anche di depressione, stanchezza diurna e cattiva qualità della vita. Perdurando nel tempo possono aggravare anche altre malattie indotte dallo stato di ansia, come: gastrite, ulcera, meteorismo, malattie della cute e delle mucose. L'alimentazione è in stretto rapporto con il sonno. Infatti ci si addormenta difficilmente se si salta la cena, ma lo stesso accade nei casi di eccessi alimentari, in particolare di cibi pesanti e ricchi di sostanze eccitanti. E' noto che la sera prima di coricarsi va evitato l'abuso di cioccolato, cacao, caffé e tè, per la presenza di stimolanti a cui si può essere più o meno sensibili, oltre ai superalcolici che inducono un sonno disturbato. A cena e' bene evitare cibi troppo salati e piccanti con abbondanza di curry, pepe, paprika. Esistono INVECE CIBI CHE AIUTANO A RILASSARSI: pasta, riso, orzo, pane e tutti quelli che contengono un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. Nella dieta serale, BENE anche: semi oleosi, legumi, uova bollite, carne e pesce – cotti semplicemente – e formaggi freschi. Tra le VERDURE, al primo posto c'è la lattuga, seguita da radicchio rosso, cipolla e aglio (le loro proprietà sedative conciliano il sonno), ma anche zucca, rape, cime di rapa e cavoli. INFINE, un bicchiere di latte caldo prima di andare a letto diminuisce l'acidità gastrica, che può interrompere il sonno, e inserisce durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze (presenti anche in formaggi freschi e yogurt) che attenuano insonnia e nervosismo come calcio, magnesio e precursori di serotonina e melatonina. Prima di coricarsi, UTILE anche un infuso di passiflora, valeriana e tiglio per stimolare uno stato di relax che favorisca un buon sonno. IL SEMAFORO DEL BUON SONNO A CENA ROSSO: NO a eccesso di: Grassi (piatti elaborati e ricchi di grassi), Sale, Spezie piccanti, eccesso di alcolici e superalcolici e altre sostanze stimolanti, che rendono difficile addormentarsi. GIALLO: NON abusare di: caffè, bevande a base di cola, te' e cacao. Non saltare il pasto (fame e calo di zuccheri possono ostacolare l'addormentamento); non fare attività fisica in tarda serata (si stimola la produzione di sostanze chimiche eccitanti che rendono difficile prender sonno). VERDE: OK a Pasta, riso, pane, orzo, lattuga, cavolo, rape, cime di rapa, radicchio rosso, cipolla, aglio, zucca, formaggi freschi, yogurt, uova bollite, infusi rilassanti caldi, latte caldo, banane e frutta dolce => favoriscono il sonno e aiutano l'organismo a rilassarsi. Procedimento:
In  primavera molti hanno qualche difficoltà ad addormentarsi. Possono soffrire di insonnia per più notti e avere poi problemi di attenzione e un calo energetico nella giornata successiva. Anche un’alimentazione ec-cessiva o disordinata può favorire il problema, e oggi vediamo se è possibile sconfiggere l'insonnia anche con l’aiuto dei cibi giusti.

Daremo ai cibi i colori del nostro “SEMAFORO DEL BENESSERE“  che ci indicherà la STRADA GIUSTA VERSO IL BUON SONNO.
VERDE = “OK, VIA LIBERA”
GIALLO = “ATTENZIONE, NON ESAGERARE’’ 
ROSSO = “STOP! EVITARE’’ 

Secondo l’AIMS (Associazione Italiana Medicina del Sonno) 12 milioni di italiani soffrono di disturbi del sonno, all'origine anche di depressione, stanchezza diurna e cattiva qualità della vita. Perdurando nel tempo possono aggravare anche altre malattie indotte dallo stato di ansia, come: gastrite, ulcera, meteorismo, malattie della cute e delle mucose. L'alimentazione è in stretto rapporto con il sonno. Infatti ci si addormenta difficilmente se si salta la cena, ma lo stesso accade nei casi di eccessi alimentari, in particolare di cibi pesanti e ricchi di sostanze eccitanti. E’ noto che la sera prima di coricarsi va evitato l’abuso di cioccolato, cacao, caffé e tè, per la presenza di stimolanti a cui si può essere più o meno sensibili, oltre ai superalcolici che inducono un sonno disturbato. 

A cena e' bene evitare cibi troppo salati e piccanti con abbondanza di curry, pepe, paprika.
Esistono INVECE CIBI CHE AIUTANO A RILASSARSI: pasta, riso, orzo, pane e tutti quelli che contengono un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. Nella dieta serale, BENE anche: semi oleosi, legumi, uova bollite, carne e pesce – cotti semplicemente – e formaggi freschi.

Tra le VERDURE, al primo posto c'è la lattuga, seguita da radicchio rosso, cipolla e aglio (le loro  proprietà sedative conciliano il sonno), ma anche zucca, rape, cime di rapa e cavoli.

INFINE, un bicchiere di latte caldo prima di andare a letto diminuisce l'acidità gastrica, che può interrompere il sonno, e inserisce durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze (presenti anche in formaggi freschi e yogurt) che attenuano insonnia e nervosismo come calcio, magnesio e precursori di serotonina e melatonina.

Prima di coricarsi, UTILE anche un infuso di passiflora, valeriana e tiglio per stimolare uno stato di relax che favorisca un buon sonno.

IL SEMAFORO DEL BUON SONNO A CENA

ROSSO:
NO a eccesso di: Grassi (piatti elaborati e ricchi di grassi), Sale, Spezie piccanti, eccesso di alcolici e superalcolici e altre sostanze stimolanti, che rendono difficile addormentarsi.
GIALLO:
NON abusare di: caffè, bevande a base di cola, te’ e cacao. Non saltare il pasto (fame e calo di zuccheri possono ostacolare l’addormentamento); non fare attività fisica in tarda serata (si stimola la produzione di sostanze chimiche eccitanti che rendono difficile prender sonno).
VERDE:
OK a Pasta, riso, pane, orzo, lattuga, cavolo, rape, cime di rapa, radicchio rosso, cipolla, aglio, zucca,   formaggi freschi, yogurt, uova bollite, infusi rilassanti caldi, latte caldo, banane e frutta dolce => favoriscono il sonno e aiutano l'organismo a rilassarsi.
 

]]>