raidue.png
I Cantanti I Giudici I Coach I Coreografi

Syria

Cecilia Syria Cipressi nasce a Roma nel 1977, cresciuta in una famiglia dove la musica è di casa, frequenta il liceo artistico dove si diverte a prendere parte all’attività delle varie band che animavano la vita studentesca. Nell’estate successiva all’esame di maturità incontra Claudio Mattone che viene conquistato dalla sua freschezza e la convince a tentare l’avventura di Sanremo giovani diventando il suo primo produttore.
E’ il 1995 e la carriera di Syria inizia nel migliore dei modi con la vittoria a “Sanremo giovani” con la cover di “Sei bellissima” di Loredana Bertè che le fa guadagnare diritto l’accesso al Festival di Sanremo dell’anno successivo nella categoria Giovani dove si classifica al primo posto con il brano Non ci sto che da anche il titolo del suo primo album firmato da Claudio Mattone.
Nel 1997 partecipa nuovamente a Sanremo nella categoria Big. La sua “Sei tu” conquista il terzo posto e fa da apripista al secondo album, “L’angelo”, con brani di Claudio Mattone e Alberto Salerno, che si aggiudica il disco d’oro. Syria vince insieme a Carmen Consoli in quello stesso anno, il telegatto di “Vota la voce” come artista rivelazione dell’anno.
Dopo “Station Wagon”, uscito nel 1998, Syria interpreta “Riflesso”, brano che fa da colonna sonora al cartoon della Disney Mulan. Nel 2000 vede la luce “Come una goccia d’acqua”, prodotto da Biagio Antonacci. Nel suo quarto lavoro Syria veste per la prima volta i panni di autrice scrivendo il testo di “Maledetto il giorno” su musica di Marina Rei. Il primo singolo “Se t’amo o no” imperversa sulle radio ed è uno dei più suonati dell’estate 2000. Nel 2001 Syria torna a Sanremo con un brano di Biagio Antonacci dal titolo “Fantasticamenteamore2”, inserito successivamente nella ristampa di “Come una goccia d’acqua”, album che supera abbondantemente il traguardo del disco d’oro arrivando a vendere quasi 100.000 copie. Nello stesso anno, dall’unione con Pierpaolo Peroni, produttore degli 883, nasce la piccola Alice.

La produzione discografica si arricchisce di un nuovo lavoro nel 2002 con “Le mie favole. Fanno parte del disco “Essere in te”, scritta da Max Pezzali e già contenuta nell’album “Uno in più” degli 883, “Se tu non sei con me” firmata da Jovanotti e “Occhi fragili” scritta da Gianna Nannini e Isabella Santacroce. Oltre a queste illustri partecipazioni, l’album contiene “Lettera ad Alice”, scritta da Syria per la figlia di pochi mesi, e il brano “Mi consumi”, testo della stessa Syria su musica dei Dc Talk.
Il disco viene ristampato nel 2003 con l’aggiunta di L’amore è”, il brano di Jovanotti in gara al festival di Sanremo che ottiene il quinto posto e un sorprendente successo radiofonico, e un secondo inedito dal titolo “Aria”, uscito come singolo l’estate seguente.
Nel 2005 vede la luce il sesto album dal titolo “Non è peccato” contenente undici brani inediti scritti appositamente per Syria da diversi artisti e autori come Jovanotti, Tiziano Ferro, Mario venuti, Le Vibrazioni e Giorgia. In questo lavoro Syria rende omaggio a Loredana Bertè reinterpretando la hit del 1993 “Mi manchi”.
Desiderosa di cimentarsi in nuove esperienze, Syria inizia ad alternare la carriera di cantante con quella di attrice teatrale vestendo i panni della protagonista nello spettacolo teatrale “Jovinelli varietà” scritto da Serena Dandini e interpretato al fianco di Francesco Paolantoni. Nel 2006 la strada di Syria si incrocia con quella di Paolo Rossi con il quale collabora a “Chiamatemi Kowalski, il ritorno” novantacinque repliche nei più bei teatri italiani. Sempre nel 2006 Syria strizza un occhio anche al cinema con un cameo nel film Manuale d’amore 2- Capitoli successivi, di Giovanni Veronesi.

Sul fronte musicale Syria inizia a sperimentare nuovi orizzonti e collabora con alcuni gruppi della scena Indie prestando la sua voce ai dischi dei “Non voglio che Clara”, degli “Atleticodefina” e ai live dei “Perturbazione”. Inizia per Syria un viaggio ricco di incontri, confronti, e nuovi mondi da raccontare. Cesare Malfatti dei La Crus la aiuta a mettere insieme i tasselli e il risultato è “Un’altra me”, un disco contenente pezzi editi di gruppi della scena indipendente italiana come “Perturbazione”, “Marta sui Tubi”, “Non Voglio che Clara”, “Atleticodefina”, “Deasonika”, “Blume”, “Filippo Gatti”, “Mambassa”, “Marta sui Tubi” , “North Pole”, “Marcilo Agroe” ed arrichito, inoltre, da un testo inedito di Sergio Endrigo, musicato da Cesare malfatti, “Momenti”.
Dal disco vengono estratti i singoli “La distanza” e “Canzone D'odio” e la critica musicale recensisce entusiasticamente il nuovo lavoro dell'artista romana che, sempre piena di voglia di esprimere il suo talento a 360° gradi facendo dell’incoerenza la sua coerenza, ribalta le carte in tavola e da vita con Sergio Maggioni e Giulio Calvino degli “Hot gossip” al progetto di un ep Elettrodance con testi in italiano dal titolo “Vivo, Amo, Esco”. Per questa nuova avventura Syria adotta la pseudonimo di Airys, dall’ep vengono estratti tre singoli di cui uno, “Io ho te” è una rivisitazione del celebre brano della Rettore in veste elettrodance affiancata dai Club dogo.

Dopo un intenso anno che la vede alternare concerti acustici come Syria, esibizioni al “Heineken Jammin festival”, la presenza nel concerto benefico e nel successivo dvd “Amiche per l’abruzzo” e apparizioni su Mtv nelle vesti di inviata, Il 3 maggio 2011 e’ prevista  l’uscita del nuovo album di canzoni inedite con Sony Music dal titolo “Scrivere al Futuro”, prodotto da Sergio Maggioni con testi di Dario Moroldo. Si tratta di un produzione ricca di sound pop che riporta l’artista alle origini. Syria sara’ in tour per tutta l’estate

Rai.it

Siti Rai online: 847