Radio3

Contenuti della pagina

da lunedì a venerdì alle 19.45

I Ritornanti

slcontent

di Jonathan Zenti
 

Ci sono persone che incontri e frequenti per anni. Poi entrano nell'oblio delle giornate tutte uguali e spariscono: niente più telefonate, niente più incontri casuali nella tua piccola città di provincia. Ogni tanto arriva qualche oscuro segnale dai loro profili Facebook, scritto in lingue misteriose, oppure scatti su Instagram fatti in angoli che non ricordi di aver mai visto nelle tue gite fuori porta. Persone di cui ci si dimentica senza accorgersene, ma di cui ci si ricorda durante le vacanze di Natale, quando, riparato dietro a una sciarpa, ti sembra di aver visto qualcuno sfrecciarti di fianco come renne volanti dicendoti “Adesso vivo a Copenaghen, è tutto bellissimo”, prima di raggiungere un altro stimolante evento costruito apposta per farli sentire “a casa”.

È così che fanno i Ritornanti, quelli che si sono costruiti una vita al di là dei confini italiani e che tornano ad abbracciare famiglia ed amici per le vacanze di Natale. Vengono a fare visita come i nipoti che solo a Natale si ricordano della vecchia zia che sta morendo all'ospizio, a dispensare sorrisi caritatevoli quando si cerca di spiegare com'è vivere qui, in questo paese depredato dai saccheggi esistenziali, prima di ripartire per raggiungere la loro normale quotidianità in paesi dove sembra essere arrivata la civiltà.

E nel frattempo chi in Italia ricopre ruoli istituzionali si vanta del fenomeno dei “cervelli in fuga”, dimenticandosi di un fenomeno per cui ad andarsene sono soprattutto braccia e non sempre il motivo è la mancanza di futuro in Italia, ma spesso l'ostacolo di un presente troppo ingombrante.

Gli altri anni era facile trattare I Ritornanti con l'invidia del Signor Scrooge; quest'anno, con il paese che come Willie il Coyote ha superato di un passo l'orlo del baratro della decenza, è l'occasione per chiedersi se rimanere a morire qui o seguirli nell'aldilà delle vite decenti.

 



GUARDA IL TRAILER


con la voce di Marianna Stella

hanno partecipato:

Enrico e Matteo Murru, Alessandra Minio, Charlotte Rouault, Luca Bronzato, Gaia Puliero, Ada e Francesca Arduini, Diambra Mariani, Paolo e Mimì Mariani, Mehmet Ozer, Sara Roccabianca, Andrea Valerio, con la straordinaria partecipazione di Francesco Scardoni e tutta la Contrada Lorì

Musiche di Mogwai, Vanessa Paradis, Timid The Brave, Calexico, The Notwist e Contrada Lorì

 

regia di Jonathan Zenti

 

Credits

a cura di Fabiana Carobolante, Elisabetta Parisi, Daria Corrias e Lorenzo Pavolini

Il programma

Uno spazio nella sera di Radio3 dedicato all’audio documentario.

Percorsi sonori che raccontano la realtà di oggi e di ieri con il linguaggio della testimonianza diretta.

Tre Soldi su Facebook

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key