Radio3

Contenuti della pagina

In diretta tutti i giorni da via Asiago, 10 dalle 7,15 - Numero Verde 800 050 333 - SMS al 335 5634296
slcontent

Fornero cambia idea sulle pensioni: "La mia riforma ora va modificata"



di Marco Bresolin


L’ex ministro: “Giusto concedere flessibilità in uscita. Le condizioni di emergenza ormai sono superate”

 

Marco Bresolin

 

Era rigore. Erano lacrime, versate in diretta tv durante la celebre conferenza stampa a fianco dell’algido Mario Monti. Elsa Fornero quel giorno di dicembre del 2011 non riuscì a pronunciare la parola «sacrificio». Il sacrificio che il governo dei tecnici stava chiedendo agli italiani. La sua riforma delle pensioni, gli esodati, e tutto ciò che ne è seguito, le sono valsi critiche e contestazioni. Ma oggi è lei a dire che sì, quella riforma si può cambiare. «Si può recuperare un po’ di flessibilità».  

 

Via libera dunque ai pensionamenti anticipati, con un costo per il lavoratore pari al «3-3,5% all’anno» ha spiegato l’ex ministro del Welfare all’Ansa. Un’inversione a U che Fornero giustifica così: «Le condizioni di emergenza nelle quali nacque la riforma sono in parte superate». E quindi il governo, che sta per mettere a punto la legge di stabilità, avrebbe margini per rivedere il sistema previdenziale.  

 

Certo, dice Fornero, «gli interventi devono essere molto ponderati perché l’Italia resta in una situazione difficile», ma in sostanza la sua proposta ricalca quella avanzata dal presidente dell’Inps Tito Boeri a inizio estate. D’accordo sull’introduzione di un contributo di solidarietà per le pensioni più alte, che sono state più avvantaggiate dal sistema retributivo. Corte Costituzionale permettendo.  

 

In linea con Boeri anche sull’entità del prezzo da pagare per lascia il lavoro in anticipo: «La riduzione dell’assegno per chi vuole andare in pensione prima va calcolato secondo criteri non lontani dall’equità attuariale, vale a dire il 3-3,5% per ogni anno di anticipo rispetto all’età di vecchiaia, e magari con criteri più generosi per i lavoratori precoci e per certe categorie di lavori particolarmente faticosi». Fornero è invece contraria alla proposta di calcolare l’assegno dei pensionati precoci esclusivamente col metodo contributivo, che sarebbe troppo oneroso per il lavoratore: i sindacati sostengono che il taglio arriverebbe al 25-30%.  

 

Resta il nodo cruciale: quanto peserebbe tutto questo sui conti pubblici? Fornero stima che «un taglio limitato al 3-3,5% annuo avrebbe un onere per la finanza pubblica, ma sarebbe meno costoso delle altre proposte in campo. Come quella di Baretta e Damiano e quella sulla quota 100 tra età e contributi». Cesare Damiano, deputato Pd e presidente della commissione Lavoro, accoglie con piacere il cambio di marcia dell’ex ministro: «Anche lei adesso sostiene che la sua riforma si può correggere. E, visto che Renzi e Poletti sono d’accordo che si introduca un criterio di flessibilità nel sistema previdenziale, ora aspettiamo la proposta del governo». Quella avanzata dall’ex ministro del governo Prodi prevede l’uscita dal lavoro a partire da 62 anni con 35 anni di contributi e una penalizzazione del 2% per ogni anno di anticipo, fino a un massimo dell’8% (con 4 anni di anticipo). «I parlamentari del Pd stanno già discutendo questo disegno di legge. È una proposta che costa, ma non quanto ha sostenuto Boeri (10 miliardi, ndr). A nostro avviso ha sbagliato i conti».  

 

I calcoli di Damiano tengono conto del fatto che «non tutti i lavoratori sceglieranno di andare in pensione a 62 anni e bisogna anche considerare i risparmi che si produrranno con meno Cassa integrazione e meno ammortizzatori sociali per gli ultra sessantenni che hanno perso il lavoro e che non trovano un reimpiego». Non solo: «Molti esodati non ancora tutelati potrebbero optare per questa normativa». Ma nei giorni scorsi, proprio in un’intervista a «La Stampa», il viceministro Enrico Morando era stato piuttosto chiaro: «Va bene qualsiasi soluzione, a patto che non costi nulla allo Stato». 

 
sito della Stampa 

 

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Natascia Cerqueti, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Carlo Tecce





Carlo Tecce, 30 anni, irpino di Castelfranci, lavora a il Fatto Quotidiano dalla sua fondazione nel 2009. Scrive di politica e
informazione. Ha pubblicato due libri con la casa editrice Ponte alle Grazie:  Io ti fotto e Contro i notai. Il terzo uscirà per Einaudi.


Rassegna stampa
del 30 agosto

 

Non bastano 500 parole – Roberto Casati – Il Sole 24 Ore


Matera, la capitale della cultura non compra più libri – Antonello Caporale – il Fatto Quotidiano


Lasciare il lavoro senza intaccare i conti pubblici – Giulio Sapelli – Il Messaggero


L’America malata che continua ad amare più le armi che la vita
 – Adam Gopnik – la Repubblica


In Francia sì ai siriani. L’Italia apre agli afgani ecco perché in Europa l’asilo è una lotteria
 – Vladimiro Polchi – la Repubblica


Il vescovo di Torino: “Ogni parrocchia accolga 5 profughi”
 – Gabriele Guccione – la Repubblica


Treni, rivoluzione sicurezza: in stazione come in aeroporto – Giuliana De Vivo – il Giornale


Renzi: l’Italia cresce. E il diritto d’asilo ora diventi europeo
 – Aldo Cazzullo – Corriere della Sera


La bella estate. Tre milioni di turisti che non c’erano
 – Agostino Gramigna - Corriere della Sera


Marino: “Gabrielli non ha poteri speciali. La diarchia non esiste”
 – Fabio Martini – La Stampa


la preghiera laica di Erri De Luca

La Nuova Ecologia - il mensile di Legambiente di luglio-agosto 2015




Attenuare il rischio climatico rinaturalizzando le città. Adottare stili di vita flessibili per
vivere meglio e sprecare meno. Sorella resilienza. Così possiamo cogliere la sfida del cambiamento e salvaguardare la casa comune dell'umanità. All'interno un'intervista a James Lovelock. 


sito de La nuova ecologia

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key