Radio3

Contenuti della pagina

In diretta tutti i giorni da via Asiago, 10 dalle 7,15 - Numero Verde 800 050 333 - SMS al 335 5634296
slcontent


Casa e trasporti, ecco le novità. Dagli sconti Irpef per chi affitta all’ecobonus: arriva Sblocca Italia


di Luca Cifoni


Sblocco di opere pubbliche, semplificazioni anche drastiche per l’attività edilizia, incentivi fiscali alle locazione, quotazione in Borsa delle società pubbliche locali che si occupano di trasporto e di igiene. Si fa sempre più variegato il menu del decreto sblocca-Italia, in vista del Consiglio dei ministri di venerdì. Non solo cantieri dunque ma un piano di più ampio respiro che nelle intenzioni del governo dovrebbe dare una spinta decisiva alla ripresa di settori particolarmente penalizzati dalla recessione , come le costruzioni e l’immobiliare. Naturalmente molto dipenderà dal lavoro di limatura (e di confronto politico) delle ultime ore: è possibile che alla fine venga approvato un testo più ridotto, mentre altre misure - in particolare quelle che presentano problemi di copertura - verrebbero rinviate alla legge di Stabilità.

ALTA VELOCITÀ
Per quanto riguarda le infrastrutture sono stati inseriti nel testo alcuni progetti che hanno anche una valenza fortemente simbolica, oltre che concreta: l’alta velocità Napoli-Bari, che dovrebbe partire nel novembre del prossimo anno, la linea ferroviaria Palermo-Messina-Catania e l’autostrada Valdostica Nord di raccordo tra Trentino e Veneto, bloccata dall’opposizione della Provincia autonoma di Trento. Insieme alle singole opere ci sono alcune linee di intervento generale, come lo spostamento di risorse dai progetti arenati a quelli effettivamente cantierabili. In particolare le revoche di finanziamenti in caso di mancato bando di gara dovrebbero alimentare una dote complessiva di 4 miliardi anche grazie alla confluenza di risorse finanziarie dal Fondo coesione.

Il pacchetto semplificazioni è piuttosto consistente. Molte riguardano il permesso a costruire, che potrà essere concesso con modalità più veloci oppure non essere più necessario in una serie di casi per i quali sarà sufficiente la denuncia di inizio attività: ad esempio per di variazioni non essenziali conformi alle prescrizioni urbanistiche. Dovrebbero aumentare anche i poteri dello sportello unico per l’edilizia, mentre ai Comuni verranno concessi sei mesi di tempo per mettere a punto un regolamento edilizio tipo. Vengono semplificate poi le procedure per il cambio di destinazione d’uso, novità che dovrebbe anche favorire la cessione di immobili pubblici.

AGEVOLAZIONE IN OTTO ANNI
Corposo anche il capitolo dedicato alle agevolazioni fiscali. Se sulla proroga delle detrazioni per il risparmio energetico e di quelle per le ristrutturazioni il confronto è ancora in corso, è allo studio un nuovo beneficio destinato ai privati che acquistano unità immobiliari a destinazione residenziale, purché questi siano poi destinate per i successivi sette anni al mercato degli affitti. Lo sgravio consiste in una deduzione Irpef pari al 20 per cento del prezzo, da fruire in otto anni, con un limite massimo di spesa pari a 300 mila euro. Tra le altre condizioni previste c’è anche la fissazione di un canone di locazione non superiore quello convenzionato definito dagli accordi tra le associazioni di proprietari e quelle di inquilini.

SPINTA ALLA PRIVATIZZAZIONE
Ma la novità forse più rilevante rispetto all’impostazione originaria del provvedimento è l’aggiunta di una sezione incentrata sull’apertura al mercato delle società pubbliche locali, in particolare quelle che si occupano di trasporto e di igiene ambientale. L’obiettivo è iniziare a rendere più efficiente un settore che è anche al centro dell’attenzione del commissario alla revisione della spesa Carlo Cottarelli.

Dunque le società in questione, totalmente partecipate dalle Regioni o dagli enti locali potranno usufruire di un prolungamento di 22 anni e sei mesi della durata dell’affidamento del servizio se si quoteranno in Borsa entro il 31 dicembre del proprio anno. Dopo il collocamento avranno due possibilità: o mantenere il controllo del 50,01 per cento delle azioni, impegnandosi però a cedere la parte residua ad un soggetto industriale, oppure collocare comunque sul mercato almeno il 60 per cento delle azioni possedute. Di fatto si tratta di una spinta alla privatizzazione o quanto meno alla realizzazione di una partnership tra pubblico e privato.

sito del Messaggero

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Angelica De Rossi, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Stefano Cappellini
a Prima Pagina


Stefano Cappellini nato a Catania nel 1974 è caporedattore centrale del quotidiano “Il Messaggero”. É stato direttore del quotidiano “Il Riformista”. Ha lavorato per “Liberazione” e “Repubblica”. Come autore televisivo ha firmato programmi in Rai (“Batti e Ribatti”) , Sky (“Controcorrente”) e La7 (“Exit”).

Rassegna stampa del 27 agosto

Dal Casinò di Venezia alla Fiera di Roma – Roberto Mania – La Repubblica

Ecco sblocca Italia – Luca Cifoni – Il Messaggero

Forse è la volta buona che tagliano le partecipate – Franco Bechis – Libero

Rai 1,3 miliardi di appalti – Ma nessuno deve sapere – Il Fatto Quotidiano

Avvelenano la nostra civiltà – Marcello Veneziani – Il Giornale

Vanno allo sbaraglio e noi paghiamo - Vittorio Feltri - Il Giornale

...continua


Nano-nano Mork!



Gabriele Del Grande - Il mare di mezzo


Tre anni di inchieste in un unico avvincente racconto. Un viaggio tra memoria e attualità attraverso le storie che fanno la storia. La nostra storia.


"Non riesco a scegliere tra le centinaia di persone che ho incontrato in questi anni. Ognuno porta con sé qualcosa di speciale. Il coraggio dei sindacalisti tunisini arrestati a Redeyef e poi giunti a Lampedusa. La fragile forza dei padri dei ragazzi di Annaba dispersi al largo della Sardegna. Il senso dell'avventura di quei due calciatori camerunesi espulsi dall'Algeria e tesserati da una squadra maliana per ripagarsi la traversata del deserto. Il senso di impotenza delle mogli di tanti uomini arrestati dopo una vita in Italia perché senza documenti e poi espulsi. La “complicità” con gli amici eritrei di Tripoli, impegnati come informatori del mio sito nonostante i guai che rischiano di passare con i servizi segreti eritrei e libici. L'ingenuità di certi contadini del Burkina Faso, mai stati nemmeno in capitale e partiti per l'Italia totalmente ignari dei pericoli che avrebbero incontrato. Le risate dei bimbi eritrei a Tripoli, che mi chiedo sempre se poi saranno mai arrivati in Italia e incrocio le dita per loro…" 


Con il patrocinio di Amnesty International, Asgi e Cric

Pubblicato da Infinito edizioni

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key