Radio3

Contenuti della pagina

dal lunedì al venerdì alle 23.20

Non si recita a soggetto

di Andrea Cedrola

slcontent

Il teatro sociale in Italia prende corpo negli anni '70, spinto dalla forza propulsiva del teatro teorizzato e messo in pratica da Jerzy Grotowski.
Si diffuse la precisa volontà, da parte di autori e registi, di calarsi direttamente nelle realtà cosiddette "difficili", non limitandosi a raccontarle dall'esterno. Queste realtà stesse, tramite gli individui che le abitavano, sarebbero andate ben presto in scena. Nel corso degli anni sono nate tante compagnie, costituite in gran parte - o esclusivamente - da persone con vari disagi (di tipo sociale, fisico o mentale), che successivamente sono diventate attori. Ottenendo spesso risultati sorprendenti e numerosi riconoscimenti.
Quando fu chiesto a Pippo Delbono perché avesse deciso di lavorare con «persone al limite, diverse in qualche modo», lui rispose così: «Perché ho scoperto che avevano delle capacità [...], qualità da arlecchini [...]. Noi della compagnia non siamo diventati dei buoni, che facciamo del bene agli altri, no. Loro fanno delle cose che nessuno nella compagnia è in grado di fare. Queste persone ci danno molto, in cambio tu gli dai delle altre cose, ma non è mai: "Quanto bene faccio per te". Non potrei mai dire a Bobò: "Quanto bene ti ho fatto che ti ho portato fuori da un manicomio", no. Quanto bene ha fatto Bobò al mio teatro. Questo è un valore forte».
Non si recita a soggetto riporta l'esperienza diretta di dieci compagnie che, in modi diversi, rientrano nell'ambito del teatro sociale. È un percorso che va da Catania a Torino, passando per Napoli, Roma e Bologna. Contesti diversi in cui scorgiamo dispiegarsi singole individualità, sempre in rapporto all'esperienza teatrale.
Gli attori portano con sé la propria esperienza diretta, poi rielaborata artisticamente dagli autori e dai registi che li seguono, e che da loro pretendono impegno e fatica costante. Senza limitarsi a sterili autobiografismi e senza l'ombra neppure lontana del dilettantismo.


Si ringrazia Fabio Russo per la presa diretta.
Si ringraziano inoltre i registi e i coordinatori delle singole compagnie.

Credits

a cura di Fabiana Carobolante
con Maria Angela Spitella
regia di Daria Corrias

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key