Radio3

Contenuti della pagina

Questioni

slcontent

Protestantesimo: Sola Scriptura?
con Daniele Garrone, Lidia Maggi, Angelo Reginato




                      Interno della chiesa valdese di Roma 




Se nella puntata precedente abbiamo dato uno sguardo al mondo dell’ortodossia, oggi guardiamo invece al variegatissimo universo del protestantesimo che, più o meno in tutto il mondo, si riconosce in una bipartizione di massima tra le chiese “storiche”, che hanno promosso e incorporato lo spirito critico della modernità, e quelle “evangelicali”, più conservatrici, ma più capaci di attrarre fedeli e talvolta più autenticamente spirituali. Quale può essere la direzione più giusta da prendere? Valgono ancora i “fondamentali” del protestantesimo: Sola Scriptura, sola fide, solus Christus ...? Per fermarci alla Scrittura: quale può essere un modo di leggere oggi la Bibbia che non sia né fondamentalista, né aridamente scientifico, né astrattamente formulato, né esclusivamente soggettivistico? E quale scambio vi può essere con il pensiero laico?
Ne parliamo con il teologo valdese Daniele Garrone e con Lidia Maggi e Angelo Reginato, autori di un libro su tre concetti chiave della modernità – libertà, uguaglianza, fraternità – che però sono già il fulcro delle pagine e dei versetti della Bibbia.







Suggerimenti di lettura
Lidia Maggi, Angelo Reginato, Liberté égalité fraternité. Il lettore, la storia la Bibbia, Premessa di Paolo Ricca, Claudiana 2014
Esodo Quaderni trimestrali dell'Associazione Esodo n.2 aprile-giugno 2014

Link
http://www.esodo.net/



                                                              Lidia Maggi





Parole
Occorre strappare la tradizione al conformismo che è in procinto di trasformarla
                                                                  Walter Benjamin

Un giorno lessi un libro e tutta la mia vita cambiò. Fin dalle prime pagine ne percepii a tal punto la forza che mi parve quasi che il mio corpo si staccasse dalla sedia e dal tavolo a cui sedevo per allontanarsene ... Era una luce che faceva brillare la mia mente e insieme la accecava
                                                                  Orhan Pamuk

Sì, noi intuiamo di nuovo che il senso della cosiddetta religione sta nel suo apporto con la vita concreta, con la vita della società, e non nella sua separazione da essa. Un santuario separato non è un santuario
                                                                    Karl Barth

 
         Daniele Garrone

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key