Radio3

Contenuti della pagina

TUTTO ESAURITO! Drammi di principesse. "Rosamunda" di Elfiede Jelinek

08/11/2014

slcontent





La morte e la fanciulla. Drammi di principesse
di Elfriede Jelinek
terzo episodio: Rosamunda
traduzione e regia di Werner Waas
con Carla Chiarelli e Fabrizio Parenti


I "Drammi di principesse", che compongono il ciclo "La Morte e la Fanciulla" (di cui abbiamo realizzato nel 2005 e riproponiamo i primi tre episodi) sono "dialoghi" di una donna con la morte, rappresentata dall'uomo (la morte in tedesco è maschile) che sta anche per il potere che viene invece negato alle donne, e quando queste pensano di acciuffarlo si rivela essere un sogno. Le principesse sono solo "la schiuma sui sogni altrui" (E.J.)
Sono testi intimi, testi dal regno dei morti, quasi tutti i personaggi sono morti o stanno per esserlo. Il nostro lavoro consisteva nel trovare un modo per rendere ascoltabile tutto questo alla radio. Abbiamo deciso di diversificare molto i tre testi, cercando una certa freschezza sia nella recitazione sia nell'invenzione sonora. In "Biancaneve" si alterna un interno molto realistico, da camera dei bambini, ad un esterno da fiaba, creando due mondi paralleli che si compenetrano strada facendo generando interferenze fino all'assassinio di Biancaneve nel salotto di casa. Ne "La Bella Addormentata" si passa da atmosfere da spiaggia ad un progressivo aumento di suoni umorali e leggermente osceni fino ad un amplesso nel pollaio 'Austria' con crollo della siepe e successivo spot pubblicitario. In "Rosamunda" infine si parte da un atmosfera da sogno cinematografico, che diventa una sorta di soap opera dell'orrore, che finisce a sua volta risucchiata dentro un'astronave dalla destinazione ignota.
Werner Waas

Il teatro di Elfriede Jelinek ( Premio Nobel per la Letteratura 2004) sembra oltrepassare per radicalismo espressivo tutto ciò che la drammaturgia del secondo Novecento ha pure offerto in termini di sperimentazione linguistica, dalla asimmetria dei dialoghi di Beckett alla riduzione monologica dei lavori di Thomas Bernhard. Protagonista assoluto qui è solo il linguaggio.Con il titolo programmatico "La morte e la fanciulla" la scrittrice austriaca (nata a Mürzzuschlag / Steiermark nell'ottobre del 1946) completò nel 2002 il ciclo dei "Drammi di principesse", o meglio "drammoletti", perché "le principesse non meritano un dramma"(E.J.), citando sì la composizione di Franz Schubert, ma introducendo anche un motivo tutto suo: il miserabile fallimento della donna nel e per il mondo maschile. Werner Waas, artista tedesco che da anni opera in Italia, tra i fondatori nei primi anni 90 della compagnia QUELLICHERESTANO, ha già portato in scena nel 2001 un testo della Jelinek, L'addio, interpretato da Fabrizio Parenti, uno degli attori fissi della Compagnia. In questa produzione radiofonica si aggiunge anche Carla Chiarelli, attrice di grande talento e sensibilità, che ha collaborato più volte con Waas in diversi spettacoli, quasi tutti di autori contemporanei e principalmente di lingua tedesca (da Herbert Achternbusch, a Werner Schwab, a Roland Schimmelpfennig).

Credits

curatori e conduttori: Laura Palmieri e Antonio Audino

Shakespeare 450 | Tutte le opere dal nostro archivio

TUTTO ESAURITO! Trenta giorni di teatro a Radio3

I video del Teatro di Radio3

Vai ai Video

I video di Tutto Esaurito!

Vai ai Video

Eduardo Pari e Dispari

Vai alla pagina

Riascolta

Riascolta

Riascolta

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key