Radio3

Contenuti della pagina

Intervista a Emilio Isgrò

slcontent





“Solo una cultura disinibita (come in fondo è la migliore arte contemporanea) può aiutare il nostro paese a compiere il passo decisivo dalla premodernità, in cui finora si è crogiolata, a una postmodernità che le consenta di mettere a frutto la sua capacità più vitale, che è quella di reinventare il mondo sul niente, piuttosto che fare del niente l'anticamera della morte, come purtroppo è accaduto e può ancora accadere”. Questo è il credo profondo di Emilio Isgrò, artista, poeta, scrittore, giornalista, drammaturgo siciliano di base a Milano dagli anni Cinquanta.




Anticipatore sulle tendenze dell’arte internazionale, Isgrò è stato il teorico della "cancellatura", nei primi anni Sessanta, un nuovo linguaggio che ancora oggi mantiene la stessa vivacità e audacia creativa delle origini. La cancellazione non nega ma evidenzia, sottolinea e libera, offrendo nuove possibilità di interpretazione del mondo, aprendolo a nuovi significati.

Emilio Isgrò sarà l’artista del 2014 di RadioTre e lo ha intervistato per noi Elena Del Drago

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key