Radio3

Contenuti della pagina

Sotto la lente: la musica da camera

slcontent

Sotto la lente è stata messa la musica da camera e per approfondire l'agomento ospite di Oreste Bossini Carlo Fabiano.
La formazione violinistica e musicale di Carlo Fabiano ha inizio con l’incontro, nel 1975, con  Franco Claudio Ferrari, storica spalla dell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia negli anni del dopoguerra, che all’epoca rientrava in Italia dopo una lunga e intensa carriera internazionale. Dal Maestro Ferrari, del quale è uno dei pochi allievi italiani, riceve cinque anni di insegnamenti, in seguito ai quali si diploma brillantemente in violino. Successivamente segue a Roma le lezioni e i consigli del Maestro Arrigo Pelliccia e inizia contemporaneamente una intensa attività professionale come violino di spalla e componente di numerosissimi complessi cameristici.
Da sempre affascinato dalla musica da camera e attratto dal fare " musica insieme " nel 1981 fonda l'Orchestra da camera di Mantova della quale è da oltre trent'anni Konzertmeister, violino concertatore e direttore artistico. Da quel momento tutta la sua attività violinistica e musicale ruota attorno a questo complesso, con il quale ha suonato nelle sale più prestigiose e nei Festival più importanti in Italia, Austria, Germania, Svizzera, Lussemburgo, Belgio, Olanda, Danimarca, Francia ed anche in Medio Oriente, Asia, Nord, Centro e Sud America.
Questa attività negli anni gli ha permesso di lavorare al fianco di un lunghissimo elenco di celebrati artisti del panorama italiano ed internazionale. Fra i tanti: Salvatore Accardo, Gidon Kremer, Uto Ughi, Giuliano Carmignola, Shlomo Mintz, Vicktoria Mullova Joshua Bell, Mischa Maisky, Rocco Filippini, Miklos Pereny, Enrico Dindo, Mario Brunello, Sol Gabetta, Bruno Canino, Maria Tipo, Katia e Marielle Labeque, Michele Campanella, Andrea Lucchesini, Angela Hewitt e gli indimenticabili Astor Piazzolla, Severino Gazzelloni e Dino Asciolla.
Nel 1997 riceve il premio Franco Abbiati della critica musicale italiana per «per la sensibilità stilistica e la metodica ricerca sulla sonorità che ripropone un momento di incontro esecutivo alto tra tradizione strumentale italiana e repertorio classico».
Negli ultimi anni si è fortemente impegnato nell’ideazione e realizzazione di numerosi e innovativi progetti che hanno avuto una notevole circuitazione e ottenuto una straordinaria attenzione del mondo musicale italiano: tra il 2002 e il 2004, insieme ad Umberto Benedetti Michelangeli, il “Progetto Beethoven”, rivisitazione delle sinfonie e dei concerti in forma cameristica del Genio di Bonn, secondo le più aggiornate revisioni critiche e tra il 2004 e il 2007 il "MozartFest", ciclo dedicato all'opera sacra di W.A. Mozart. Con Alexander Lonquich, invece, ha realizzato l'integrale dei Concerti per pianoforte e orchestra di W. A. Mozart, accolta con grande entusiasmo da numerose società concertistiche del panorama internazionale. Tra il 2008 e 2010 si è dedicato ad un corposo progetto attorno alla figura di Franz Josef Haydn in occasione dei 200 anni dalla scomparsa. Ultimo in ordine di tempo, nel maggio 2013, il singolare “ Trame sonore a palazzo “ Mantua Chamber Music Festival, un informale ed innovativo meeting internazionale di cameristi realizzato nei palazzi rinascimentali della città dei Gonzaga.
Molta di tale attività concertistica è stata registrata dalla RAI, Bayrischer Rundfunk, Rsti, radio olandese, oltre ad Hyperion ed altre varie etichette discografiche.
Da sempre interessato ai problemi della didattica, dal 1980 è titolare della cattedra di violino, che fu del suo Maestro, al Conservatorio di Mantova e nel 2010 è stato nominato docente del Corso di Perfezionamento di Musica da Camera presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma.
Suona un violino cremonese di Gian Battista Cerutti del 1848.

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key