Radio3

Contenuti della pagina

SERATA RATMANSKY

slcontent

Tra i più interessanti e talentuosi coreografi attuali, Alexei Ratmansky si è velocemente guadagnato l’apprezzamento della  critica e  del pubblico di tutto il mondo.  L’originalità del suo stile apre la nuova stagione del Ballo con un ritorno, una prima per la Scala e una prima mondiale.





Torna in scena Concerto DSCH, vivace coreografia premiata da Danza&Danza come miglior produzione classica del 2012 che cattura l’essenza della musica di Šostakovič  con poesia, virtuosismi e profonda musicalità.
Debutta alla Scala Russian Seasons, la prima produzione di Ratmansky per il New York City Ballet (2006). L’omonima partitura di Leonid Desyatnikov attraversa le stagioni e il calendario russo ortodosso in dodici sezioni per orchestra d’archi, violino solista e voce femminile. Il balletto, in cui unanimemente la critica ha riconosciuto una straordinaria ricchezza creativa, fonde con grazia ed energia la tecnica classica con elementi coreografici tratti dal folclore della tradizione russa.
Attesissima la nuova creazione, coreografica e musicale, costruita apposta per i ballerini scaligeri:  Opera  che nasce sulla partitura composta per l’occasione da Leonid Desyatnikov, considerato da molti il più celebre compositore russo vivente.

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key