Radio3

Contenuti della pagina

Intervista a Alexei Lubimov

slcontent

Alexei Lubimov, pianista russo nato a Mosca, è considerato uno dei più originali interpreti della scena musicale contemporanea. Il suo vasto repertorio lo fa annoverare tra i pianisti meglio apprezzati oggi. Studiando con Heinrich Neuhaus, Lubimov ha consolidato una precoce passione sia per la musica barocca, in particolare quella eseguita con strumenti originali, che per i compositori del ventesimo secolo come Schönberg, Webern, Stockhausen, Boulez, Ives, Ligeti, Schnittke, Gubaidulina, Silvestrov e Pärt. Ha eseguito in prima assoluta alcune composizioni contemporanee in Russia e fondato il festival "Alternativa". Durante gli anni '70, anni in cui veniva rallentata la sua carriera internazionale a causa delle note limitazioni politiche, Lubimov ha costituito un quartetto di musica barocca. Il suonare indistintamente musica antica e musica contemporanea, non ha distolto il suo interesse per il repertorio classico del quale comunque Lubimov è un eminente interprete, così come lo testimoniano le molte registrazioni. Negli anni '80, terminato il periodo di restrizioni, ha iniziato una brillante carriera tenendo concerti in Europa, Stati Uniti e Giappone, esibendosi con importanti orchestre come la Royal Philharmonic di Londra, l'Orchestra Nazionale Russa, l'Orchestra Filarmonica di Radio France, la Toronto Symphony Orchestra, la Deutsches Symphonieorchester di Berlino, le Orchestre Filarmoniche di Monaco e Pietroburgo, le orchestre di Israele, Los Angeles e Helsinki sotto la guida di direttori come Ashkenazy, Järvi, Kondrashin, Hogwood, Mackerras, Norrington, Pletnev, Saraste, Salonen, Janovski, Tortelier. Esempi di storiche performances includono concerti con l'orchestra Age of Enlightenment, con la Wiener Akademie, il Collegium Vocale Gent.
Alexei Lubimov ha inoltre posto la sua attenzione alla musica da camera suonando regolarmente con solisti di fama internazionale e partecipando ai più prestigiosi festival di tutto il mondo tra i quali i festival di Salisburgo e Copenhagen ai quali è stato inv
itato nel 2003. Nel 2004/2005 si è esibito con l’Orchestra of the Age of the Enlightenment (Beethoven), con la Munich Philharmonic (Silvestrov), la SWR Stuttgart (Pärt), la DSO Berlin (Pärt), la Danish National Symphony Orchestra (Pärt), l’Anima Eterna Brugge e la RNO Moscow. Ha effettuato molte registrazioni con etichette come Melodia, Erato, BIS, Sony. Tra queste si possono trovare le sonate complete di Mozart, Schubert, Chopin, Beethoven, Brahms oltre a musiche del 20° secolo. Il CD più recente, Der Bote, edito nel 2003 dalla ECM, ha riscosso entusiasmanti consensi da parte della critica specializzata.

 

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key