Radio3

Contenuti della pagina

Cold case

18/05/2011

slcontent

Diffidenza e scetticismo. Così reagiscono molti scienziati quando sentono parlare di fusione fredda, produrre energia fondendo nuclei atomici a basse temperature. Perché non c'è una teoria che spieghi come funziona, e le evidenze sperimentali rimangono molto controverse. Eppure, ventidue anni dopo il clamoroso flop di Fleischmann e Pons, c'è chi giura di averla davvero realizzata, come Sergio Focardi, professore emerito all'università di Bologna. E chi vuole vederci più chiaro, come Antonio Zoccoli, ordinario di fisica sperimentale della stessa università e direttore della sezione dell'Istituto nazionale di fisica nucleare di Bologna.

E poi: quanto è contaminato il mare a largo di Fukushima? Arrivano i primi dati misurati dagli esperti di Greenpeace a bordo della nave Rainbow Warrior. Ce li riferisce
Giorgia Monti, biologa marina, responsabile delle campagne di Greenpeace, di ritorno da questa missione.

Al microfono Marco Motta.

La musica di oggi è
Notturno (da "Piccola Suite" per pf) di Alexander Borodin, eseguita da Marie Claude Werchowska.

Credits

A cura di Rossella Panarese
In regia Costanza Confessore
In redazione Paolo Conte, Matteo De Giuli, Roberta Fulci, Marco Motta

SOCIAL


 

RSS

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key