Radio3

Contenuti della pagina

Storie

slcontent

Miti che odiano le donne
con Marilia Albanese, Giuseppina Merchionne, Eline Liu




Perché mai, sin dai suoi albori, ogni cultura, ogni civiltà ha condensato il proprio immaginario in narrazioni, figure, miti di donne al negativo? Con un’impressionante trasversalità – dal mondo greco a quello giudaico-cristiano, dall’area asiatica a quella africana - verso l’oscuro elemento femminile confluivano le fobie umane: la donna è colei che generando, genera anche la paura, ed è colei che la placa, temporaneamente, con il suo sacrificio. Quanto sono attivi nelle società contemporanee questi archetipi? E quanto può uno schema mitico sedimentato nel profondo, muovere l’azione umana verso quelle pratiche atroci, perché di pratiche culturalmente motivate si tratta, quali l’ormai quotidiano femminicidio. Le nostre ospiti, l’indologa Marilia Albanese e la sinologa Giuseppina Merchionne ci aiuteranno a leggere il sostrato mitico di usanze violente e sacrificali, quali la sati indiana, il rogo delle vedove, oppure “i gigli d’oro”, ovvero la frattura deformante dei piedini delle bambine cinesi, la cui avvenenza dipende da un’andatura impedita, che ricordi l’oscillare dei fiori. Con la giovanissima imprenditrice cinese Eline Liu, entreremo invece in un contesto totalmente demitizzato, ma dove il mito del profitto esige ancora i suoi sacrifici.




 

Suggerimenti di lettura
Marilia Albanese, Antica India, dalle origini al XIII secolo d.C., White Star 2009
Marilia Albanese, Il tantrismo, il gioco della Dea, Xenia 1999
Giuseppina Merchionne, Lo spirito dei Qi Gong. Il soffio cosmico, Xenia 1998
Anna Buiatti, La volpe amorosa, Sellerio 1989




Parole

Che disgrazia, è il destino della donna,
Niente al mondo è meno vile d’ella.
I figli sono in piedi addossati alle porte,
Come degli dei caduti dal cielo.
I loro cuori lanciano una sfida ai quattro mari,
Ai venti, alle terre e alle migliaia di chilometri.
Ma la figlia, nessuno si rallegra della sua nascita.
La famiglia non realizza nessun guadagno con essa,
Quando cresce, si nasconde nella sua camera,
Nessuno la piange se sparisce dalla sua casa,
Repentinamente, come una nuvola che si scioglie dopo la pioggia.
Si morde le labbra, si curva e s’inchina e spesso manca di fierezza.”.
                                                                                                 Fu Xuan 

 

 

 

 

 

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key