Radio3

Contenuti della pagina

Percorso di avvicinamento alla Giornata della Memoria

slcontent

Ancora due tasselli, due testimonianze.
La prima con MARCO BORGHI, direttore di Iveser (Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea), per la mostra "Resistere Senz’armi – Storie di internati militari italiani nel Terzo Reich", che 
si propone di far conoscere la vicenda storica dei circa 650.000 militari italiani che vennero catturati dai tedeschi dopo l’8 settembre 1943 e deportati nei lager del Nord Europa. I nazisti li classificarono come Internati Militari Italiani (IMI), privandoli così delle tutele previste dalle convenzioni internazionali per i prigionieri di guerra.

La mostra – attraverso un originale allestimento, con la riproduzione di un cospicuo ed inedito materiale documentario e fotografico (conservato prevalentemente nell’archivio dell’Istituto) – ripercorre tutta la vicenda degli IMI: la cattura, il terribile viaggio nei carri bestiame, la dura vita nei campi, il rifiuto di collaborare con la Repubblica sociale italiana e la Germania nazista, la liberazione, il ritorno a casa e il difficile reinserimento. Di forte impatto la sezione che propone i percorsi biografici di alcuni internati.

Un’esposizione in cui parole, immagini e documenti ricostruiscono i contorni di storie singole e li fondono in una storia collettiva che fatica ancora a trovare un posto e un giusto riconoscimento nella memoria degli Italiani.

Il secondo contributo lo ha portato 
Camilla Brunelli, direttrice del Museo della Deportazione e Resistenza di Prato che ha contribuito a realizzare nel 2002. Il Museo, inaugurato dal Presidente della Repubblica Ciampi , è tra i pochissimi esistenti in Italia dedicati alla memoria della deportazione.
Dal 2008 Brunelli collabora nella sua veste di direttrice con la Regione Toscana per i grandi eventi  in occasione del Giorno della Memoria (Treno della Memoria per Auschwitz, Grande Meeting al Mandela Forum, Mostra su Adolf Eichmann, Viaggio studio a Berlino per 100 insegnanti, Musica e regime).
E’ autrice di numerosi saggi di carattere storico. Il Museo della Deportazione e Resistenza di Prato è tra i promotori dei Viaggi della memoria nei campi di concentramento e di sterminio.

 



Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key