Radio3

Contenuti della pagina

La vita rubata di un innocente

slcontent

di Vittorio Zucconi

C’era soltanto il buio lungo undicimila giorni — e undicimila notti — oltre la cella del penitenziario della Louisiana dalla quale Glenn Ford contemplò per trent’anni da innocente la propria morte. Per il tempo di una generazione, entrato in carcere da padre e ora, a 64 anni, nonno, attese che il direttore del carcere lo svegliasse annunciandogli l’esecuzione per un delitto che lui sapeva di non avere commesso, ma per il quale avrebbe pagato con la vita. Trent’anni e due mesi per sentirsi finalmente dire, ieri, che giustizia era stata fatta e il giudice si era dovuto rassegnare a riconoscere la sua innocenza e a liberarlo.
Ma di qualcosa, quest’uomo con il nome di una superstar di Hollywood adorato dalla madre che volle aggiungere Glenn al cognome Ford, era colpevole, nell’anno 1984, quando fu condannato alla sedia elettrica, allora il metodo usato prima della siringa. Era, e ancora è, nero di pelle, molto nero e — come il 75% dei condannati a morte e giustiziati — quella pigmentazione della pelle è già una mezza sentenza. Almeno in Alabama, nella terra dove Harper Lee ambientò il suo To Kill a Mockingbird, Il Buio Oltre la Siepe, il romanzo dell’ingiustizia razziale più letto dopo la
Capanna dello Zio Tom.
Ford era stato incriminato e processato per l’omicidio di Isadore Rozeman, un gioielliere e rigattiere, anche un po’ ricettatore, di Shreveport, in Louisiana. C’era una faccenda di revolver, che lui aveva ritirato nel negozio di Rozeman e che risultò essere l’arma del delitto e su questa circostanza il giovane, ambizioso prosecutor,
Charles Scott, il pubblico ministero della Contea, aveva costruito il suo caso. Per assicurarsi una sentenza di colpevolezza, il magistrato aveva utilizzato il più classico degli espedienti: era riuscito a manovrare, con ricusazioni e obiezioni, per ottenere una giuria di soli uomini e donne bianchi. Se le prove e gli indizi sono deboli, il pregiudizio razziale è la polizza di assicurazione che non tradisce.
Ma dal momento della sentenza di colpevolezza e poi della condanna al patibolo agli inizi del 1984 — quando Ronald Reagan era ancora Presidente e la Guerra Fredda soffiava ancora gelida — il caso del «Popolo dell’Alabama contro Glenn Ford» cominciò a perdere pezzi. Testimoni d’accusa, i presunti complici che avevano deposto per salvarsi il collo dopo avere patteggiato con l’Accusa, si ritrassero. I due avvocati difensori d’ufficio, due ragazzi appena sfornati dalle facoltà di Giurisprudenza privi di qualsiasi esperienza processuale e pagati 20 dollari all’allora più un buono pasto dalla Contea, ammisero di non averci capito niente. Uno dei due fu radiato dal “Bar”, dall’ordine degli avvocati, per manifesta incompetenza e per una eccessiva frequentazione di altri bar, nel senso delle taverne. Con l’aiuto di legali più esperti, che avevano rilevato il Caso Glenn “Pro Bono”, dunque senza essere pagati, partì la solita processione dei ricorsi, degli appelli, delle petizioni, delle richieste di revisione.
Glenn dovette, come i tremila condannati a morte in attesa di esecuzione, aspettare. Oltre la sua siepe di cemento e sbarre, nel penitenziario di massima sicurezza di Angola, prima la “Old Sparky”, la vecchia scintillona nel gergo macabro del braccio della morte, la sedia elettrica e poi gli stantuffi dei veleni da flebo, continuavano a funzionare. Cinquantasei suoi compagni di viaggio nel lungo miglio verde, due all’anno, facevano il tragitto finale verso la barella. Trascorsero i primi dieci anni, il tempo medio di attesa fra la condanna e l’esecuzione, senza che il direttore bussasse alla sua porta. Poi altri dieci, e altri dieci.
Un appello raggiunse la Corte Suprema della Louisiana e gli alti magistrati emisero una decisione sbalorditiva. Il processo contro Glenn Ford era stato viziato da errori procedurali evidenti. Prove che si sarebbero dovute ammettere erano state respinte dal giudice. Gli avvocati si erano dimostrati ridicolmente inetti, di fatto negando all’imputato il diritto costituzionale alla difesa. Elementi a discolpa erano stati ignorati dall’Accusa per tirare diritto verso la condanna. Ma, ma. La condanna era valida e l’esecuzione doveva essere portata termine. Uno dei nove “Supremi” si indignò e si chiamò fuori. «I miei illustri colleghi sono fuori di testa».
Chi rientrò in sé, all’undicimillesimo giorno, fu il più imprevedibile dei protagonisti del Buio oltre la Siepe:
Charles Scott, proprio il pubblico ministero che aveva pilotato il processo verso il patibolo. Quei trent’anni e due mesi dovevano aver morso anche la sua coscienza, seppur lentamente, e Scott, riaprendo le indagini per propria decisione, riascoltato testimoni ancora vivi, esaminate le false deposizioni che avevano indicato Ford come colpevole, ha riconosciuto i proprio errori, ha chiesto al Tribunale la scarcerazione del condannato per non avere commesso il fatto. In pochi minuti, prova della vergogna che la Giustizia serbava, il giudice ha ordinato la scarcerazione.
Ora su Glenn Ford pioveranno dollari in danni per falsa carcerazione, un milione, a colpi dei 35mila per ogni anno previsti dallo Stato dell’Alabama. «Li userò per aiutare i miei nipotini» ha detto l’uomo che è tornato fra i viventi con un cappello di lana in testa e un paio di occhiali da vista nuovi «perché quando entrai qui dentro ero padre di due baby e oggi sono nonno di due baby». Ma nessuno gli restituirà quei trent’anni nella sala d’attesa del boia. «Mi chiedono se provi rancore, ci potete scommettere che provo rancore». A noi resta il pensiero di che cosa possa provare chi, meno fortunato di lui, è stato — ed è — condotto a morire sapendo di essere innocente, come lo è il 3% di tutte le vittime del delitto di Stato.
da "La Repubblica" del 13 marzo 2014

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Natascia Cerqueti, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Francesca Sforza



Francesca Sforza lavora alla Stampa dal 1999. Ha trascorso quattro anni a Berlino come corrispondente e due anni a Mosca. Nel corso di questo periodo all’estero è stata più volte inviata in Polonia, in Repubblica Ceca, in Slovenia e a più riprese nel Caucaso. Il suo libro “Mosca-Grozny: neanche un bianco su questo treno” (2006, Salerno Editrice) ha vinto il Premio Antonio Russo  e il Premio Maria Grazia Cutuli. Dal 2007 al 2011 ha lavorato a Torino come caporedattore del Servizio Esteri. Attualmente è responsabile dei contenuti digitali della redazione romana per il sito www.lastampa.it

Rassegna stampa
del 1 ottobre

Quello che Putin non dice - Franco Venturini - Corriere della Sera

Ripartiamo dalla maternità - Barbara Stefanelli - Corriere della Sera

"Ma dopo anni si intravede uno spiraglio" - Int. a De Mistura di Massimo Gaggi - Corriere della Sera

"No ai fondamentalisti in nome del Vangelo" - Int. a Walter Kasper di G.Guido Vecchi - Corriere della Sera

Padri naturali - Massimo Gramellini - La Stampa

Alla casa non serve solo meno fisco - Franco Bruni - La Stampa

Burocrazia, un dietrofront tra le vigne - Michele Brambilla - La Stampa

Perché difendo Obama l'indeciso - Thomas L. Friedman - La Repubblica

Libia, l'occidente cambia inviato - Vincenzo Nigro - La Repubblica

Gender, la fabbrica del pregiudizio - Maria Novella De Luca - La Repubblica

Le 2 Chiese divise su divorzio e famiglia - Paolo Rodari - La Repubblica

C'è un problema tra l'Italia e la Francia - Non solo Libia e non solo Siria - Il Foglio

Separati, non abbandonati - Maurizio Crippa - Il Foglio

La forza di vivere - Marina Corradi - Avvenire

Se questa è democrazia - Sotto attacco - Il Fatto Quotidiano 

Giannini: "Partita la caccia, il premier ha slegato i cani" - Int. a Massimo Giannini - Il Fatto Quotidiano

Mare nostro - Stop trivelle - Il Manifesto

"300 mila firme non bastano" - Int. a Pippo Civati di Daniela Preziosi - Il Manifesto



 


La Nuova Ecologia - il mensile di Legambiente di luglio-agosto 2015




Attenuare il rischio climatico rinaturalizzando le città. Adottare stili di vita flessibili per
vivere meglio e sprecare meno. Sorella resilienza. Così possiamo cogliere la sfida del cambiamento e salvaguardare la casa comune dell'umanità. All'interno un'intervista a James Lovelock. 


sito de La nuova ecologia

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key