Radio3

Contenuti della pagina

I 90 anni dall'omicidio fascista di Giacomo Matteotti

slcontent

Dopo il suo discorso in parlamento del 7 giugno 1924, il 10 giugno alle 16.15 il socialista Giacomo Matteotti viene rapito dalla polizia politica del regime fascista. Lo misero a forza in un autovettura, Matteotti cercò di uscirne, scoppiò una rissa e riuscì a buttare fuori dal finestrino il suo tesserino da parlamentare. Durante la lotta Giuseppe Viola estrasse un coltello e lo colpi sotto l'ascella e al torace; morì dopo un'agonia di alcune ore, e lo seppellirono piegato in due a Macchia della Quartarella, un bosco nel comune di Riano a 25 km da Roma. Dopo alcuni giorni le indagini individuarono i colpevoli, anche se il cadavere venne ritrovato solo a metà Agosto. Mussolini intanto aveva fatto interrompere tutti i procedimenti contro gli assassini, nel gennaio del 25 poi assumerà su di sè tutta la responsabilità  politica e morale del delitto. Ricordiamo quelle vicende, decisive nella completa instaurazione del regime con Marco Scavino docente di storia contemporanea all’università di Torino e autore della postfazione della ripubblicazione del testo di Piero Gobetti dedicato a Matteotti, uscito per le Edizioni di Storia e Letteratura (presentato domani alle 16.30 all’Archivio di Stato di Torino, Piazza Mollino) e con Giovanni Borgognone  autore di Come nasce una dittattura. L’italia del delitto Mattetotti, Laterza 2012. 



« [M]ia zia cuciva alla macchina e diceva – ci penserà il Signore – e piangeva. Ogni volta che vedo da qualche parte il ritratto di Matteotti immagini e sensazioni di quel giorno mi riaffiorano… mia zia prese il ritratto, arrotolato dentro
 un paniere in cui teneva filo da cucire e pezzi di stoffa. In quel paniere restò per anni. Ogni volta che si apriva l’armadio, e dentro c’era il paniere, domandavo il ritratto. Mia zia, biffava le labbra con l’indice, per dirmi che bisognava non parlarne. Domandavo perché. Perché l’ha fatto ammazzare quello, mi diceva. Se alla mia domanda era presente l’altra mia zia, la più giovane, che era maestra, si arrabbiava con la sorella – “devi farlo sparire quel ritratto, vedrai che qualche volta ci capiterà un guaio”. Io non capivo. Capivo però chi fosse quello…». Leonardo SciasciaLe parrocchie di Regalpetra.

 

«Tra noi si scherza, si ride, e non si sente nulla dell'uomo che  sta commemorando Matteotti in qualche punto della piazza. Sappiamo solo che parla, che c'è questa voce commossa e un po' nasale a tratti stridula come alle arringhe della Corte d'Assise, e che c'è quest'Unto della Giustizia Borghese gesticolante sopra coscienze e coscienze come per farle figliare - ma non lo vediamo e fischiettiamo tra noi "Giovinezza". "La folla zittisce. Questurini vengono a pregarci di aver pazienza. Una voce urla: "Viva Matteotti!" e prima che diventi un grido di tutti, scattiamo coi bastoni impugnati». Elio Vittorini, Il garofano rosso.

Credits

Carlo D'Amicis,Michele De Mieri,Lea Gemmato, Clementina Palladini, Daniela Pirastu, Laura Zanacchi, Regia di: Benedetta Annibali A cura di: Susanna Tartaro
Conduce: Loredana Lipperini

Ricerca nell'archivio

Cerca 

Tutti i Libri dell'Anno

 
Ogni anno gli ascoltatori di Fahrenheit scelgono il loro Libro dell'Anno tra i 12 Libri del Mese. A Dicembre durante la Fiera della Piccola e Media Editoria di Roma un intero pomeriggio è dedicato all'elezione in diretta del nuovo Libro dell'Anno.  
Si può votare inviando una mail a: fahre@rai.it

Tutti i Libri dell'Anno 

Vota per il Libro del Mese






Scegli tra questi il tuo libro preferito e manda una mail a:  fahre@rai.it


Cristina Amodeo, Samantha Friedman, Il giardino di Matisse, Fatatrac

Guido Conti, Nilou e i giorni meravigliosi dell’Africa, Rizzoli


Gioacchino Criaco, Il saltozoppo, Feltrinelli


Diego de Silva, Terapia di coppia per amanti, Einaudi


Stefano Ferrio, Lo spareggio, Nutrimenti


Giuseppe Feyles, La classe scomparsa, Manni


Ilaria Gaspari, Etica dell’Aquario, Voland 


Lorenza Ghinelli, Almeno il cane è un tipo a posto, Rizzoli


Siegmund Ginzberg, Spie e zie, Bompiani


Carlo Lucarelli, Il tempo delle iene, Einaudi


Dacia Maraini, La bambina e il sognatore, Rizzoli


Michela Murgia, Chirù, Einaudi


Antonio Pennacchi, Canale Mussolini. Parte seconda, Mondadori


Gilda Policastro, Cella, Marsilio 

Luca Tortolini, Claudia Palmarucci, Le case degli altri bambini, OrecchioAcerbo


Filippo Tuena, Memoriali sul caso Schumann, Il Saggiatore

 

Tutti i libri del mese

Radio3 Twitter

Il podcast delle poesie di Fahrenheit


Finalmente puoi collezionare le voci dei nostri poeti! Il podcast della poesia del giorno di Fahrenheit.

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key