Radio3

Contenuti della pagina

Caro collega, dietro la crisi ci siamo noi

slcontent

Il testo della lettera di un economista greco ad uno italiano che verrà letta al festival Teatri di Vita di Bologna


Caro Collega,

Come te, suppongo, sono cresciuto con le immagini in bianco e nero dei film che rappresentano l'Europa meridionale che lotta per riprendersi dalla calamità degli anni più duri della guerra.

Come te, la mia mente è ancora piena di immagini di persone che lottano, le cui prove e tribolazioni hanno dato origine a ondate di migranti italiani e greci verso luoghi lontani, e a film come “Ladri di biciclette” o come un simile film greco, in cui intere sequenze comiche sono costruite sul desiderio di un uomo per un pezzo di formaggio o di dolce. Ma a un certo punto, venne il momento in cui non era più così facile ricordare la povertà e la privazione che avevano dato la loro intensità a quelle immagini e sequenze comiche. Come risultato, le nostre società, Italia e Grecia, si sono allontanate dalla tradizione culturale di De Sica, Fellini, Koundouros e Cacoyannis, e sono scese nel buco nero della volgarità “Berlusconesque”. Durante questi anni di “crescita” e consumismo, molti di noi speravano che le nostre società trovassero in se stesse la capacità di ritrovare l'equilibrio perduto; di conciliare lo stomaco pieno con la preferenza per un cinema dignitoso al posto del volgare stile di vita proposto dagli show televisivi.

Ahimè, non ce l’abbiamo fatta. Prima che un tale equilibrio venisse raggiunto (sempre che potesse essere raggiunto), il Ventinove della nostra generazione ci ha colpito. È successo nel 2008 quando, proprio come nel 1929, Wall Street è crollata, la moneta comune dell'epoca (il Gold Standard degli anni 30, l'euro degli anni 10 del 2000) ha cominciato a disfarsi, e ben presto le nostre élite hanno fallito clamorosamente nel tentativo di rispondere razionalmente alla marcia trionfale della Crisi. Solo due anni dopo la Crisi ha colpito il mio paese, la Grecia, e ci siamo trovati, ancora una volta, nelle condizioni di relazionarci con le sequenze comiche dei film degli anni 50 e 60, che ruotano intorno alla brama di un pezzo di formaggio o al sogno di un dolce. 

Quando studiavo economia, da giovane, mi ricordo che avevo grandi difficoltà a capire come fu che i governi tra le due guerre, dal 1929 in poi, avessero potuto fallire così fortemente nel tentativo di arrestare quella crisi economica che ci ha poi portato, tragicamente, alla Seconda Guerra Mondiale. Leggevo dell'impegno del Presidente Hoover di ridurre rapidamente la spesa pubblica e di tagliare i salari, mentre l'economia statunitense stava implodendo: e non riuscivo a capire come lui e i suoi allegri consiglieri potessero appoggiare una tale idiozia. Mi rifiutavo semplicemente di credere che fossero uomini malvagi che volevano il male dei loro compatrioti. Ma al tempo stesso, non riuscivo a capire come fossero riusciti a convincere se stessi che le loro azioni avrebbero portato sollievo ai loro elettori sofferenti. 

Beh, sono trascorsi molti anni da allora e, finalmente, ho capito. Guardando il nostro governo in Grecia da quando è scoppiata la crisi del debito, osservando la leadership europea tergiversare e adottare una politica disastrosa dopo l'altra, ho finalmente capito. È, se ci pensi bene, non dissimile da quello che è successo negli Stati Uniti alla fine degli anni ’60 e primi anni ’70. All'interno del Pentagono, i brillanti generali capirono benissimo che la guerra americana in Vietnam non poteva essere vinta. Che mandare più truppe a combattere nella giungla, sganciare più bombe al napalm sulle città vietnamite, aumentare lo sforzo bellico in generale, era inutile.

Sappiamo bene, grazie agli sforzi eroici di Daniel Ellsberg, che essi conoscevano individualmente, e a piccoli gruppi, l'errore delle loro decisioni. Eppure fu impossibile per loro riuscire a coordinarsi uno con l'altro, ad arrivare a una sintesi delle loro opinioni, in modo da concordare un cambiamento di rotta. Un cambiamento che avrebbe salvato migliaia di vite americane, centinaia di migliaia di vite vietnamite, per non parlare di una quantità enorme di denaro. Qualcosa di simile sta accadendo oggi ad Atene, a Roma, Francoforte, Berlino e Parigi. Non è che i membri delle nostre élite non riescano a vedere che l'Europa è come un treno che sta deragliando al rallentatore, con la Grecia che è la prima carrozza a lasciare i binari, seguita da Irlanda e Portogallo, che a loro volta porteranno al deragliamento delle successive carrozze più grandi: Spagna, Italia, Francia e, infine, la stessa Germania. No, credo che, con l’occhio della loro mente, possano vederlo, almeno così come i generali americani potevano immaginare l’epilogo a Saigon, con gli elicotteri che caricavano gli ultimi americani dal tetto dell'ambasciata degli Stati Uniti. Ma, proprio come i generali americani, pensano sia impossibile coordinare i loro punti di vista in una risposta politica sensata. Nessuno di loro osa dirlo, quando entrano nelle sale in cui vengono prese le decisioni importanti, perché temono di essere accusati di essere dei deboli o confusi. Così, rimangono in silenzio mentre l'Europa sta bruciando, sperando contro ogni speranza che il fuoco si spegnerà da solo, pur sapendo, nel profondo del loro cuore, che tutto questo non succederà. 

Mentre tergiversano, giocherellando mentre Atene, Roma, Madrid, Lisbona, Dublino bruciano, le nostre società stanno affondando in una palude nella quale la speranza svanisce, le prospettive sono annientate, la vita è sminuita e in cui i soli vincitori sono i misantropi, i 'nemici', i cacciatori di capri espiatori in forma dell’alieno, dell'Ebreo, del diverso, dell’altro. E quando le luci si spengono – letteralmente – nel mio paese, con le famiglie che 'scelgono' di farsi tagliare la fornitura di energia elettrica per poter mettere del cibo in tavola, i teppisti 'pattugliano' le strade in cerca del 'nemico'. L'ideologia nazista sta avendo un'altra chance, come la fame e la privazione, per infettare, ancora una volta, il nostro tessuto sociale. E mentre le nostre istituzioni, i nostri sindacati, le nostre norme culturali e le organizzazioni si stanno trasformando in gusci vuoti, si cerca ben poco di contrastare, semmai qualcuno lo cerchi, i bigotti, i razzisti, gli sfruttatori del dolore generalizzato e dell’impotenza. Ahimè, l'uovo del serpente cova ancora una volta in Europa, e per le stesse ragioni di allora. 

Il vostro paese e il mio condividono molto più di questa triste storia di quanto vogliamo ammettere. Prima della guerra, entrambe le nostre società hanno generato e tollerato regimi fascisti. Il vostro Mussolini e il nostro Metaxas avrebbero potuto arrivare a farsi guerra uno contro l'altro, ma erano entrambi prodotto di fallimenti politici e disastri economici che sono stranamente simili al destino comune dei nostri due paesi oggi. Vedo che una geografia strana e bizzarra è al lavoro oggi in Europa: l'Irlanda si preoccupa di sostenere che non è la Grecia, il Portogallo strepita di non essere l'Irlanda, la Spagna grida che non è il Portogallo e, naturalmente, l'Italia vuole credere di non essere la Spagna. Dobbiamo, a mio avviso, mettere da parte questa negazione idiota del nostro malessere comune. Certo, l'Italia non è la Grecia, ma, nondimeno, la situazione in cui l'Italia si sta sempre più trovando, mentre scrivo queste parole, non può essere utilmente separata dalla situazione del mio paese. La nostra malattia può aver provocato una febbre superiore di quella che avete voi, ma, credetemi, il virus è lo stesso. La vostra febbre salirà domani al punto in cui si trova la nostra oggi. 

Molte persone che conosco fuori dalla Grecia, compresi alcuni colleghi economisti, commettono l'errore di pensare che ciò che la Grecia sta vivendo è una profonda recessione. Lasciate che vi dica che questa non è recessione. Questa è una depressione. Qual’è la differenza? Le recessioni sono semplici flessioni. Periodi di ridotta attività economica e aumento della disoccupazione. Come tu e io insegnamo agli studenti, le recessioni stanno al capitalismo come l'inferno sta al cristianesimo: sgradevole, ma essenziale per il funzionamento del 'sistema'. I periodi di recessione possono essere redentivi, nel senso che 'estirpano' dall’eco-sistema economico ciò che è meno efficiente, le aziende che non dovrebbe davvero essere in attività, i prodotti che sono fuori moda, le tecniche produttive obsolete: i dinosauri, per fare una metafora. 

Tuttavia, ciò che sta succedendo in Grecia non è recessione! Qui, tutti stanno collassando. Gli efficienti e gli inefficienti. I produttivi e gli improduttivi. Le imprese potenzialmente redditizie e quelle in perdita. So di fabbriche che esportano tutto quello che producono per soddisfare i clienti, che hanno libri di ordini al completo, una lunga storia di redditività; e, tuttavia, sono sull'orlo del fallimento. Perché? Perché i loro fornitori esteri non accettano le loro garanzie bancarie per fornire loro le materie prime necessarie, visto che nessuno si fida più delle banche greche. Con i circuiti del credito totalmente distrutti, questa Crisi sta affondando tutte le navi, distruggendo ogni imbarcazione, assicurando che l’intera società anneghi. E più tagliamo i salari, più aumentiamo le tasse, più riduciamo benefici ai disoccupati, più profondo è il buco nel quale ognuno sprofonda. Se qualcuno vuole spiegare il concetto di circolo vizioso, oggi la Grecia è un caso di studio perfetto. 

Tra te e me, da un professore di economia a un altro, ho bisogno di trasmettere un profondo senso di vergogna per la nostra professione. Tu sai che altri accademici spesso paragonano noi economisti ai sismologi, scherzando sul fatto che siamo altrettanto inutili nella predizione del fenomeno al centro della nostra disciplina. Questo è abbastanza giusto. Come professione, non abbiamo mai messo in guardia il mondo “ex ante” da un imminente 'terremoto'. Alcuni isolati economisti possono averlo fatto, ma poi di nuovo, un orologio rotto segna l'ora corretta solo due volte al giorno... No, come gruppo di 'scienziati' abbiamo proprio dato una pessima prova, come i sismologi nel tentativo di dire dove, quando e con quanta forza colpirà il prossimo terremoto. Solo che noi siamo molto, molto peggio dei sismologi.

Pensaci bene: dietro ogni obbligazione CDO tossica, dietro ogni ingegneria finanziaria letale, là si nascondeva qualche immacolato rappresentante della nostra categoria. Dietro ogni politica economica responsabile di una crescita con lo schema-Ponzi (che è una presa in giro) prima della Crisi del 2008, si possono trovare alcuni celebrati, alcuni rispettati economisti che hanno fornito la copertura 'ideologica' per la politica da adottare. Dietro ogni misura di austerità oggi, che soffoca le nostre società, ancora una volta sta un nostro collega accademico, i cui modelli e le cui teorie forniscono i poteri necessari con l'audacia che serve per infliggere tali politiche ai nostri popoli. In breve, io e te siamo colpevoli per quello che i nostri compagni greci e italiani stanno soffrendo. Anche se non abbiamo condiviso questi particolari modelli economici, non abbiamo fatto abbastanza per mettere il mondo in allerta per la loro tossicità. Siamo, insomma, colpevoli. 

La scorsa settimana una mia ex-studentessa, che soffre di cancro, non riusciva più a trovare i farmaci chemioterapici dai quali dipende, in seguito alla disdetta di un accordo dello Stato con i farmacisti (che sono in lotta per non essere stati pagati dallo Stato per diciotto mesi). Un certo numero di suoi ex professori (tutti economisti) si sono messi insieme e hanno pagato per i farmaci, da acquistare in contanti. Per quanto sia stato utile, questo gesto non ci esonera. Il nostro senso di colpa è rimasto intatto come lo era prima di questo gesto gentile. Perché noi eravamo quelli che hanno insegnato agli studenti l'efficacia dei mercati finanziari, noi abbiamo permesso che venisse l’era della finanza dello schema Ponzi come l’era della “Great Moderation”, noi abbiamo chiesto ai nostri studenti di avere fiducia nella capacità delle istituzioni finanziarie di valutare correttamente il rischio, noi ci siamo seduti a guardare i nostri studenti leggere libri di testo che insegnavano loro la grande menzogna che i mercati si autoregolano e che il meglio che lo stato possa fare è star fuori dal mercato, lasciando che questo compia il suo miracolo. Sì, mio caro collega, la nostra testa dovrebbe essere appesa per la vergogna. Anche se individualmente ci siamo opposti alla tradizionale 'saggezza' del nostro mercato. 

Prima di chiudere questa lettera, voglio evocare un’ultima immagine con cui descrivere come il mio popolo, il popolo della Grecia, si sente in questo momento. Ti ricordi il geniale film di Fellini “E la nave va”? Ti ricordi i profughi di guerra sul ponte, trattati come un impiccio da parte dell'equipaggio? Non continuerò la descrizione. Sono sicuro che ricorderai la rappresentazione magistrale di Fellini. Beh, è così che i greci si sentono oggi. E a buon diritto, visto il ruolo di capro espiatorio che devono rivestire come prima tessera del domino a cadere, in una lunga catena di domino, che minaccia l'intera Europa con una versione postmoderna dell’alba di un’epoca spaventosa.

In tristezza,

Distinti saluti,

Yanis Varoufakis

Credits

Carlo D'Amicis,Michele De Mieri,Lea Gemmato, Clementina Palladini, Daniela Pirastu, Laura Zanacchi, Regia di: Benedetta Annibali A cura di: Susanna Tartaro
Conduce: Loredana Lipperini

Ricerca nell'archivio

Cerca 

Tutti i Libri dell'Anno

 
Ogni anno gli ascoltatori di Fahrenheit scelgono il loro Libro dell'Anno tra i 12 Libri del Mese. A Dicembre durante la Fiera della Piccola e Media Editoria di Roma un intero pomeriggio è dedicato all'elezione in diretta del nuovo Libro dell'Anno.  
Si può votare inviando una mail a: fahre@rai.it

Tutti i Libri dell'Anno 

Vota per il Libro del Mese






Scegli tra questi il tuo libro preferito e manda una mail a:  fahre@rai.it


Cristina Amodeo, Samantha Friedman, Il giardino di Matisse, Fatatrac

Guido Conti, Nilou e i giorni meravigliosi dell’Africa, Rizzoli


Gioacchino Criaco, Il saltozoppo, Feltrinelli


Diego de Silva, Terapia di coppia per amanti, Einaudi


Stefano Ferrio, Lo spareggio, Nutrimenti


Giuseppe Feyles, La classe scomparsa, Manni


Ilaria Gaspari, Etica dell’Aquario, Voland 


Lorenza Ghinelli, Almeno il cane è un tipo a posto, Rizzoli


Siegmund Ginzberg, Spie e zie, Bompiani


Carlo Lucarelli, Il tempo delle iene, Einaudi


Dacia Maraini, La bambina e il sognatore, Rizzoli


Michela Murgia, Chirù, Einaudi


Antonio Pennacchi, Canale Mussolini. Parte seconda, Mondadori


Gilda Policastro, Cella, Marsilio 

Luca Tortolini, Claudia Palmarucci, Le case degli altri bambini, OrecchioAcerbo


Filippo Tuena, Memoriali sul caso Schumann, Il Saggiatore

 

Tutti i libri del mese

Radio3 Twitter

Il podcast delle poesie di Fahrenheit


Finalmente puoi collezionare le voci dei nostri poeti! Il podcast della poesia del giorno di Fahrenheit.

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key