Radio3

Contenuti della pagina

Lettere 8 - 14 dicembre

slcontent


Gentile Gabriella,
il prologo inaspettato alla puntata dell'8 dicembre u.s., mi ha letteralmente folgorata. Come al solito, è riuscita a trovare parole tanto equilibrate quanto efficaci, per esprimere concetti non facili che mi stanno particolarmente a cuore. Fare il punto tra stato laico e varie interpretazioni in atto -più o meno capziose- e ricordare i distinguo tra laicità, ateismo oppure nichilismo, non è mai superfluo. Anzi. E' proprio sul filo di possibili fraintendimenti in materia, credo, che molte persone possano sentirsi vicine o lontane dalla Chiesa. Posizioni tipo quelle cui lei ha fatto riferimento, rischiano di allargare le distanze, se non di far sentire una fetta di cittadinanza addirittura esclusa. Il contrario dell'opera del Card. Martini, che si è speso per avvicinare credenti e non credenti, mondo laico ai diversi mondi religiosi. Nella mia personale esperienza di ricercatrice spirituale che pur avendo avvicinato e frequentato diverse realtà religiose non ha ancora trovato la sua "casa" senza mai perdere però l'anelito al trascendente, mi sono spesso soffermata a captare le differenze tra sedicenti credenti, sedicenti agnostici o addirittura atei. Non sempre le etichette mi parevano corrispondere alla pratica. Ho visto, ad esempio, atei e agnostici praticare abitualmente la carità, sotto diverse forme, benchè non  la chiamino cristiana. Ho visto credenti concentrarsi in un quasi ossessivo rispetto della pratica confessionale, trascurando invece la carità. Ma non voglio porre l'accento sulle possibili differenze, per guardare invece alle convergenze esistenti, soprattutto nell'ambito sociale dove la spinta ad operare viene più dalla sensibilità personale che dall'appartenenza. Questo per dire che due mondi all'apparenza distanti hanno un ampio e importante terreno di lavoro su cui impegnarsi assieme. Ciò può accadere, credo, solo se le vie non sono precluse, se ognuno fa il suo ruolo, Stato e Chiesa intendo, senza ingerenze.
Quanto ai vertici della Chiesa, mi sento di dire: più che proclami, moniti o sentenze, per avvicinare la gente basterebbe l'esempio attraverso le opere. Come quello di figure straordinarie, ma fortunatamente non rare, che popolano le puntate di Uomini e Profeti.
Grazie di esserci
Chiara
_________________________________________________________________________________________________

Grazie, grazie davvero per aver aperto oggi la trasmissione, come sempre importante ed interessante, difendendo la laicità dello Stato che certo non ha nulla a che vedere con il nichilismo e che in nessun modo è di ostacolo al trascendente. Al contrario è proprio la laicità dello Stato che favorisce il fiorire di libere coscienze. Coscienze libere di credere ai dogmi delle religioni storiche, di trovare il proprio ubi consistam nell'ateismo, di vivere la propria spiritualità nella ricerca continua della verità  quasi si fosse null'altro che un punto interrogativo vivente......oppure, sazi di pellegrinaggi, approdare alla certezza interiore che la dimensione dell'Amore è l'eternità e che la Verità che ci fa Vivere è Amore.
Grazie.
Maria  Laura ________________________________________________________________________________________________ 

Gentile redazione, ho visitato il vostro sito, non lo avevo fatto prima, è completo ed esaustivo, non ho molto tempo però ora credo proprio che andrò più spesso a vedere.  Grazie e Buon lavoro.
Claudia
________________________________________________________________________________________________

Carissima redazione,
ho cominciato ad ascoltare Uomini e Profeti dal novembre 2011 e mi ha aiutato tantissimo ad iniziare una conoscenza della Bibbia. L'ho proposta in parocchia e stiamo facendo questo cammino con l'entusiasmo anche delle altre persone e del nostro curato.
Grazie.
Angioletta
________________________________________________________________________________________________


Gentile signora Caramore, 
ascolto sempre volentieri da anni la sua trasmissione, uno dei rari
momenti di riflessione sulle religioni   e  sul senso interiore dell'agire  umano nel mondo.   Accolgo l'invito da lei fatto questa mattina a comunicare il parere di noi ascoltatori in merito al   rapporto religione - laicità.   Concordo con quanto lei ha detto e mi auguro che  questo pensiero possa diventare elemento fondante   della nostra vita  civile. 
Cordiali saluti ed auguri per la trasmissione che non vorrei venisse osteggiata, ogni tanto penso che  questo possa accadere, visto l'andamento politico, spero di essere clamorosamente smentita. 
Ancora buon lavoro.
Federica Pradella
Venezia 
________________________________________________________________________________________________

Cara Gabriella e cari tutti voi che rendete possibile questa trasmissione :un GRAZIE dal cuore per questo illuminante programma, che mi accompagna da molti anni, mi dà luce, conoscenze, spunti educativi, aiuti per vivere meglio. Lo trovo un grande contributo all'evoluzione e alla crescita umana e spirituale di chi lo ascolta, e non solo. ........................................................Grazie e benedizioni e ispirazione a tutti voi.
Mariella Lancia
________________________________________________________________________________________________

Cara redazione,
dopo tanto tempo scrivo in una giornata di bianca e sottilissima neve! ...................................il mio pensiero si attiva molto quando ascolto le vostre  trasmissioni, e quindi spesso mi capita di dialogare tra me e me con Gabriella Caramore  e i suoi ospiti! Ma questa volta c'è stato uno stimolo forte! Un ascoltatore, Massimo Micheli ha chiesto se è possibile mettere in podcast tutto il ciclo delle vostre trasmissioni sulla bibbia. Io mi associo con grande speranza a questa richiesta - sarebbe una cosa meravigliosa. ( io mi sono persa una gran parte dell'inizio di questo ciclo, perchè a quei tempi avevo un vecchissimo computer che non mi permetteva neppure di ascoltare la radio). Io avrei un sogno ancora più grande di quello dell'ascoltatore Micheli ed è quello che un giorno divenissero disponibili in podcast assolutamente tutte le vostre  trasmissioni che, secondo me, sono un vero e proprio patrimonio culturale italiano: sarebbe bello averle come si hanno i nostri libri amati in biblioteca. E già che ci sono...mettessero in podcast le trasmissioni "Attraverso la gnosi" di Maurizio Ciampa. Un amico ogni tanto me ne parla e conclude sempre dicendo: uno dei cicli di trasmissioni più belli che abbia mai fatto rai3! Forse ora starete  pensando: meno male che Elide ci scrive raramente! Con tutte queste richieste!
Un carissimo abbraccio.
Elide

 

 

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key