Radio3

Contenuti della pagina

I dubbi sulla scelta dei giudici

slcontent

Come tuttora prescrive l’articolo 65 dell’Ordinamento giudiziario e come sottolineò il ministro Grandi nel presentarlo al Re nel 1941, la Cassazione è istituita per assicurare «l’esatta osservanza e l’uniforme interpretazione della legge». Spesso i legislatori, a partire da Giustiniano per finire con l’utopia illuminista, hanno cercato di imporre ai giudici il divieto di interpretare le leggi. E lo stesso divieto di interpretazione è divenuto oggetto di interpretazione. Ovviamente. Allora si è ripiegato sull’idea che i giudici interpretano bensì le leggi ma per affermare l’interpretazione esatta. E se tribunali e corti d’appello sbagliano, la Cassazione rimette le cose a posto, enunciando l’interpretazione esatta. Se l’interpretazione esatta va contro le attese di giustizia, peggio per la giustizia. Beccaria 250 anni or sono, sosteneva che era meglio che il giudice pronunciasse una sentenza ingiusta applicando alla lettera la legge, piuttosto che la interpretasse liberamente. Spettava al legislatore modificare la legge.

Da allora la riflessione sulla natura e sugli esiti dell’attività interpretativa è andata avanti ed ora nessuno più crede veramente (anche se qualcuno continua a dirlo) che esista sempre una interpretazione “esatta”, rispetto alla quale le altre ipotizzabili sono “sbagliate”. Tanto più da quando sopra le leggi c’è la Costituzione ed anche – per venire al caso ieri deciso dalla Cassazione – una Convenzione europea dei diritti umani che impone agli Stati di proteggere efficacemente la vita delle persone, anche per la repressione penale.

La motivazione della sentenza della Cassazione sarà certo dotta e ricca di richiami alla dottrina e di precedenti giurisdizionali. Non sarà certo possibile accusarla di sciatteria. Ed è persino possibile che contenga espressioni di rammarico per essere stata costretta – da una esatta interpretazione della legge – a giungere alla conclusione che gravissimi reati erano stati commessi, ma che non si può (addirittura non si sarebbe dovuto) procedere, perché essi sono da tempo prescritti.

Ma come è possibile che due collegi giudicanti diversi abbiano ritenuto e diffusamente motivato che invece quel disastro a lungo latente e poi progressivamente rivelatosi con la malattia e la morte di tante persone, si era prolungato nella sua opera letale, ben oltre l’istante in cui le fibre di amianto avevano silenziosamente cominciato la loro opera? Se non è possibile dire che le interpretazioni adottate dai primi giudici fossero “esatte” e sia “sbagliata” quella della Cassazione, è però lecito chiedersi se non c’era davanti ai giudici una scelta, ragionata e seriamente argomentabile, tra una interpretazione che metteva d’accordo diritto e giustizia e un’altra che proclamava summus jus, summa injuria.

Solo pochi giorni orsono la Cassazione francese – certo non incline all’eversione del diritto ed anzi figlia dell’idea che il giudice sia solo la bocca della legge – ha impedito la prescrizione di orrendi delitti, rimasti a lungo nascosti, affermando che la prescrizione decorre da quando l’autorità pubblica ne ha notizia e può quindi procedere. Interpretazione diversa da quella prima prevalente. Più “esatta” oppure più “giusta”? Alla nostra Cassazione è mancata la capacità di affermare un diritto che non oltraggia la giustizia. Sarà il diritto a soffrirne e la fiducia dei cittadini nella legge.

da "La Stampa" del 20 novembre 2014

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Natascia Cerqueti, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Francesca Sforza



Francesca Sforza lavora alla Stampa dal 1999. Ha trascorso quattro anni a Berlino come corrispondente e due anni a Mosca. Nel corso di questo periodo all’estero è stata più volte inviata in Polonia, in Repubblica Ceca, in Slovenia e a più riprese nel Caucaso. Il suo libro “Mosca-Grozny: neanche un bianco su questo treno” (2006, Salerno Editrice) ha vinto il Premio Antonio Russo  e il Premio Maria Grazia Cutuli. Dal 2007 al 2011 ha lavorato a Torino come caporedattore del Servizio Esteri. Attualmente è responsabile dei contenuti digitali della redazione romana per il sito www.lastampa.it

Rassegna stampa
del 1 ottobre

Quello che Putin non dice - Franco Venturini - Corriere della Sera

Ripartiamo dalla maternità - Barbara Stefanelli - Corriere della Sera

"Ma dopo anni si intravede uno spiraglio" - Int. a De Mistura di Massimo Gaggi - Corriere della Sera

"No ai fondamentalisti in nome del Vangelo" - Int. a Walter Kasper di G.Guido Vecchi - Corriere della Sera

Padri naturali - Massimo Gramellini - La Stampa

Alla casa non serve solo meno fisco - Franco Bruni - La Stampa

Burocrazia, un dietrofront tra le vigne - Michele Brambilla - La Stampa

Perché difendo Obama l'indeciso - Thomas L. Friedman - La Repubblica

Libia, l'occidente cambia inviato - Vincenzo Nigro - La Repubblica

Gender, la fabbrica del pregiudizio - Maria Novella De Luca - La Repubblica

Le 2 Chiese divise su divorzio e famiglia - Paolo Rodari - La Repubblica

C'è un problema tra l'Italia e la Francia - Non solo Libia e non solo Siria - Il Foglio

Separati, non abbandonati - Maurizio Crippa - Il Foglio

La forza di vivere - Marina Corradi - Avvenire

Se questa è democrazia - Sotto attacco - Il Fatto Quotidiano 

Giannini: "Partita la caccia, il premier ha slegato i cani" - Int. a Massimo Giannini - Il Fatto Quotidiano

Mare nostro - Stop trivelle - Il Manifesto

"300 mila firme non bastano" - Int. a Pippo Civati di Daniela Preziosi - Il Manifesto



 


La Nuova Ecologia - il mensile di Legambiente di luglio-agosto 2015




Attenuare il rischio climatico rinaturalizzando le città. Adottare stili di vita flessibili per
vivere meglio e sprecare meno. Sorella resilienza. Così possiamo cogliere la sfida del cambiamento e salvaguardare la casa comune dell'umanità. All'interno un'intervista a James Lovelock. 


sito de La nuova ecologia

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key