Radio3

Contenuti della pagina

Questioni

slcontent

Un uomo che genera Dio: Baruch Spinoza
con Davide Assael



                                           Statua di Spinoza ad Amsterdam



In un breve componimento poetico dedicato a Baruch Spinoza, Jorge Luis Borges lo descrive come qualcuno che “costruisce Dio nella penombra. Un uomo genera Dio”. In realtà, più che “costruire Dio”, Baruch Spinoza, nella Amsterdam del Seicento, “decostruisce” un’immagine idolatrica e infantile di Dio, edificato dagli esseri umani a loro immagine e somiglianza, e gli restituisce l’immensità e l’impenetrabilità che gli compete, dandogli il nome di “Natura”: ossia tutto ciò che ha sostanza, nella grandezza incommensurabile dell’infinito. Di qui deriva l’introduzione del metodo storico critico nella lettura delle Scritture, e la rivendicazione della libertà del soggetto di fronte a se stesso: posizioni inaccettabili per le comunità religiose del suo tempo, che gli valsero la messa ai margini da ogni contesto religioso e politico.
Che ne è oggi del pensiero di Spinoza? Fino a che punto è stata colta la sua modernità? Forse da alcuni è ancora “temuto”, da altri acriticamente osannato. Proviamo a tracciarne un profilo con Davide Assael, studioso di filosofia e di ebraismo.




Suggerimenti di lettura
Spinoza, Opere, Mondadori Meridiani 2007  a cura e introduzione  di  Filippo Mignini
Spinoza, Etica, introduzione di Salvatore Natoli,  Bollati Boringhieri 2006
Baruch Spinoza,La religione universale - Testi scelti, a cura di Marco Cassuto Morselli, Collana di Studi Ebraici XV 2012 

Steven Nadler, Un libro forgiato all'inferno - Lo scandaloso Trattato di Spinoza e la nascita della secolarizzazione - Einaudi 2013 in uscita




Parole
Qualcuno costrusce Dio nella penombra,
Un uomo genera Dio. E’ un ebreo
Di tristi occhi e di pelle olivastra. Il tempo lo trasporta come trascina il fiume
Una foglia nel’acqua che discende… 
                                                                                   Jorge Luis Borges

Vedo che voi, più che filosofando, state, se così è lecito dire, teologizzando, con le vostre meditazioni intorno agli angeli , alle profezie e ai miracoli. 
                                   Da una  Lettera di Henry Oldenburg a Baruch Spinoza, settembre 1665             

Credo nel Dio di Spinoza, che si rivela nell’ordinata armonia di ciò che esiste; non in un Dio che si preoccupa delle azioni e del destino degli esseri umani
                                                                                    Albert Einstein

 

                                                              Studio di Baruch Spinoza

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key