Radio3

Contenuti della pagina

Quei malati in barella costretti a scendere in piazza per riuscire a sopravvivere

slcontent

di Michele Serra

 Il doloroso spettacolo dei malati di Sla costretti a trascinare la loro infermità davanti a un ministero romano per qualche soldo in più, sono un vero e proprio sfregio sul volto del welfare italiano ed europeo. Ne mettono in discussione non tanto e non solo la solvibilità; ma, ed è molto peggio, la capacità di discernimento.
Il governo Monti, nella sua breve vita, ha potuto vantare - con buone e riconosciute ragioni - un netto miglioramento di immagine del nostro Paese, dissestato nei conti e nei comportamenti. Anche per questo dovrebbe riflettere sul drammatico calo di immagine che quelle barelle, quei lenzuoli, quei respiratori, quei malati, esposti alla piazza come se avessero perduto la loro protezione domestica, hanno consegnato all´opinione pubblica.
Si trattava di trovare circa duecento milioni di euro da destinare al fondo per la non autosufficienza (che non sono pochi, ma certamente non tanti da ribaltare un bilancio statale) per garantire anche a poche migliaia di famiglie, colpite da una malattia implacabile, qualche conforto economico in più che sostenesse la lunga assistenza dei loro cari. Nonostante ripetuti, disperati avvertimenti, si è dovuti arrivare alla drammatica manifestazione di ieri perché un rappresentante del governo garantisse infine alla piccola e combattiva comunità degli ammalati di Sla il reperimento di quei fondi, che alleviavano appena (e appena allevieranno) la dura condizione di una cura che spesso costringe chi la esercita a rinunciare al lavoro e chiudersi in casa, al capezzale del malato.
Se è stato necessario arrivare fino allo sciopero della fame e al minacciato suicidio, significa che c´è grande confusione, nei Palazzi dove si fanno i conti, sulle famose "priorità" che la politica, per suo mestiere, avrebbe il compito di individuare e di fare rispettare. Al di sopra o meglio al di fuori di ogni tecnicalità e di ogni sapienza contabile, esiste un pragmatico buon senso (le famiglie degli invalidi lo conoscono bene) che mette al primo posto la cura, e tutto il resto a seguire. Se, quando la crisi morde, si deve rinunciare a qualcosa, non è certo all´assistenza, a quanto può dare sollievo al malato e di conseguenza a chi ne scruta la sofferenza e veglia sulla sua sopravvivenza. La cura prima di tutto. Perché senza la cura, tutto il resto perde senso, valore, solidità. Di questo buon senso, che non richiede lauree né master in economia, è mancata traccia per parecchie settimane, da quando la voce degli ammalati di Sla e delle loro famiglie si è levata per denunciare che non avrebbero retto un taglio dei fondi, già non cospicui, per l´assistenza; e da quando l´intera comunità nazionale, davvero senza distinzione di opinioni politiche né di ceto sociale, conveniva sul fatto che un Paese che taglia le gomme alle carrozzine degli invalidi è un paese senza più speranza, e senza rispetto di se stesso.
Si capisce che il welfare, in tempi di crisi, sia un lenzuolo troppo corto. Ma che quel lenzuolo lasci scoperti i corpi esausti degli ammalati di Sla è un´idea insopportabile. Buona, tra l´altro, per ridare fiato e legittimità alle voci più ostili e rabbiose, che sottolineano a quante poche rinunce sia disposta la cosiddetta "casta", e a quante invece debbano sottoporsi, e proprio per mano della "casta", i più deboli e i meno tutelati.
Un´ultima, amarissima considerazione non può non riguardare la beffarda sorte di chi (vedi il caso Welby) non viene messo nelle condizioni legali di scegliere la propria morte, o comunque l´interruzione della propria sofferenza; e viene moralisticamente invitato a volere/dovere sopravvivere comunque e in qualunque condizione; salvo poi tagliare i fondi destinati all´ipotetica "fine cura mai" che avrebbe comunque necessità di sempre più denaro mano a mano che la malattia avanza e l´invalidità si aggrava. Costretti a sopravvivere per legge, ma assistiti peggio di prima: davvero non si riesce a credere che sia così sadico, lo Stato italiano, di fronte alla sofferenza di cittadini coraggiosi e dignitosi, e delle loro coraggiose e dignitose famiglie. Le promesse di ieri (troveremo i soldi) sono molto importanti. Entro pochi giorni saranno verificabili. Nel frattempo, si spera che qualcuno, nel governo, rifletta su una pessima figura quasi certamente evitabile.
da "La Repubblica" del 22 novembre 2012
Vedi il video su Repubblica.it

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Natascia Cerqueti, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Francesca Sforza



Francesca Sforza lavora alla Stampa dal 1999. Ha trascorso quattro anni a Berlino come corrispondente e due anni a Mosca. Nel corso di questo periodo all’estero è stata più volte inviata in Polonia, in Repubblica Ceca, in Slovenia e a più riprese nel Caucaso. Il suo libro “Mosca-Grozny: neanche un bianco su questo treno” (2006, Salerno Editrice) ha vinto il Premio Antonio Russo  e il Premio Maria Grazia Cutuli. Dal 2007 al 2011 ha lavorato a Torino come caporedattore del Servizio Esteri. Attualmente è responsabile dei contenuti digitali della redazione romana per il sito www.lastampa.it

Rassegna stampa
del 1 ottobre

Quello che Putin non dice - Franco Venturini - Corriere della Sera

Ripartiamo dalla maternità - Barbara Stefanelli - Corriere della Sera

"Ma dopo anni si intravede uno spiraglio" - Int. a De Mistura di Massimo Gaggi - Corriere della Sera

"No ai fondamentalisti in nome del Vangelo" - Int. a Walter Kasper di G.Guido Vecchi - Corriere della Sera

Padri naturali - Massimo Gramellini - La Stampa

Alla casa non serve solo meno fisco - Franco Bruni - La Stampa

Burocrazia, un dietrofront tra le vigne - Michele Brambilla - La Stampa

Perché difendo Obama l'indeciso - Thomas L. Friedman - La Repubblica

Libia, l'occidente cambia inviato - Vincenzo Nigro - La Repubblica

Gender, la fabbrica del pregiudizio - Maria Novella De Luca - La Repubblica

Le 2 Chiese divise su divorzio e famiglia - Paolo Rodari - La Repubblica

C'è un problema tra l'Italia e la Francia - Non solo Libia e non solo Siria - Il Foglio

Separati, non abbandonati - Maurizio Crippa - Il Foglio

La forza di vivere - Marina Corradi - Avvenire

Se questa è democrazia - Sotto attacco - Il Fatto Quotidiano 

Giannini: "Partita la caccia, il premier ha slegato i cani" - Int. a Massimo Giannini - Il Fatto Quotidiano

Mare nostro - Stop trivelle - Il Manifesto

"300 mila firme non bastano" - Int. a Pippo Civati di Daniela Preziosi - Il Manifesto



 


La Nuova Ecologia - il mensile di Legambiente di luglio-agosto 2015




Attenuare il rischio climatico rinaturalizzando le città. Adottare stili di vita flessibili per
vivere meglio e sprecare meno. Sorella resilienza. Così possiamo cogliere la sfida del cambiamento e salvaguardare la casa comune dell'umanità. All'interno un'intervista a James Lovelock. 


sito de La nuova ecologia

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key