Radio3

Contenuti della pagina

Leggere la Bibbia

slcontent

Deuteronomio capitoli 31-34
La morte di Mosè
con Paolo De Benedetti
Domenica 23 gennaio 2011

 

La Bibbia è anche, e soprattutto, un libro di grandi enigmi. Uno dei più inquietanti è quello relativo alla morte di Mosè, nell’ultimo capitolo del libro del Deuteronomio. Mosè, l’uomo che per tutta la sua vita ha guidato il suo popolo verso la terra promessa, che ha sempre interceduto presso il Signore perché perdonasse le infedeltà dei figli di Israele, l’uomo che è stato chiamato l’ “amico di Dio”, colui che parlava con il Signore “faccia a faccia” non entrerà nella terra promessa, e morrà sul monte Nebo, di fronte a Gerico, senza raggiungere il compimento della sua vita. Innumerevoli, nella tradizione esegetica, rabbinica, e letteraria sono state le interpretazioni di questa che appare come una punizione ingiusta nei confronti del “più grande di tutti i profeti”. Paolo De Benedetti, nostro ospite oggi, afferma che dalla morte di Mosè “impariamo ad amare la nostra opera non nel suo progetto o disegno, che non si compirà mai, ma nel suo limitato nascere giorno per giorno”.

 

Suggerimenti di lettura:
Paolo De Benedetti, La morte di Mosè – e altri esempi, Morcelliana 2005
Alberto Mello, Deuteronomio. Commento esegetico-spirituale, Qiqaion 1992

 

Ascolto musicale:
Kurt Weill, La morte di Mosé (atto II scena 23)  dall'opera The eternal road, NAXOS

 

Parole:
Porgi dunque al  dubbioso la bevanda amara
e la fede ti renderà lode e grazie.
Per me hai fatto cose mirabili,
l’amarezza hai trasformato in dolcezza,
attraverso il velo della morte fammi vedere
il mio popolo che si reca alla solenne festa.
Mentre sprofondo, Dio, nella tua eternità
vedo il mio popolo camminare nella libertà.
Tu che punisci i peccati e perdoni volentieri,
oh, io l’ho amato questo popolo mio.
Aver portato i suoi pesi e la sua vergogna
aver visto la sua salvezza: d’altro non ho bisogno.
Tienimi, afferrami. Il mio bastone sprofonda.
Dio fedele, preparami la tomba.
                                Dietrich Bonhoeffer

 

Essenza del percorso nel deserto.
Un uomo che, condottiero del suo organismo,
percorre questa via, con un resto (di più non è pensabile)
della coscienza di ciò che accade,
conserva per tutta la vita il fiuto di Canaan;
e che debba vedere il paese
soltanto prima della propria morte è inverosimile.
Quest’ultima previsione può avere soltanto il significato
di far capire quale momento imperfetto sia la vita umana,
imperfetto perché questa specie di vita
potrebbe durare all’infinito e tuttavia
non sarebbe altro che un istante.
Mosè non arrivò a Canaan
non perché la sua vita fosse troppo breve,
ma perché era una vita 
umana                                                                                                                                        Franz Kafka

 


                                                                                                                                                           

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key