Radio3

Contenuti della pagina

01/04/2013 [leggi tutto]

slcontent

SPACEHEADS, Atomic Clock, da “Sun Radar EP” – Electric Brass Records EB001

DEE ALEXANDER’S EVOLUTION ENSEMBLE, Truth, da “Sketches of Light” – Egea EUJ 1006

DAWN MCCARTHY & BONNIE ‘PRINCE’ BILLY, Omaha, da “What the Brothers Sang” - Domino WIGCD300

BETACICADAE, Jjjjj, da “Mouna” – Elegua Records ELE017

DEBORA PETRINA, Princess, da “Petrina” – Alabianca Group

DEBORA PETRINA, Denti, da “Petrina” – Alabianca Group

MUSICA NUDA (PETRA MAGONI& FERRUCCIO SPINETTI), Libera, da “Banda Larga” – EMI 50999 903881 2 5

MUSICA NUDA (PETRA MAGONI& FERRUCCIO SPINETTI), Carica erotica, da “Banda Larga” – EMI 50999 903881 2 5

YANNIS KYRIAKIDES, Varosha (Disco Debris), da “Resorts & Ruins” - Unsounds 33U

ERDEM HELVACIOĞLU/ULRICH MERTIN, Point of No Return, da “Planet X” - Innova 798

FORTNER ANDERSON/NICOLAS BERNIER, Belly Into Fire, da “Annunciations” - Les blocs errants LBE ANNCD

MARC BEHRENS, Queendom, da “Queendom Maybe Rise” - Crónica 076

ERDEM HELVACIOĞLU/ULRICH MERTIN, Anima Aeterna, da “Planet X” - Innova 798

YANNIS KYRIAKIDES, Covertures III, da “Resorts & Ruins” - Unsounds 33U

Credits

un programma di Pino Saulo
con Ghighi Di Paola, Giovanna Scandale e Antonia Tessitore

SABATO 25 OTTOBRE 2014
EASY WRITERS


Nella storia della musica, per una congiunzione di eventi più o meno fortunata, ci sono dei brani che nel tempo hanno acquisito una vita indipendente dal proprio autore, in alcuni casi oscurandone la fama. Altre volte sono stati catturati da interpreti che li hanno indossati così bene, da farli quasi coincidere con la propria immagine più che con quella di chi li ha creati.

Otis Redding ne sapeva qualcosa: Respect è di Aretha Franklin? E anche J.J. Cale, autore di Cocaine o Tito Puente con Oye Como Va. Ci sono tanti esempi del genere, associati a diversi contesti.
Cercando uno dei percorsi possibili nelle fitte trame della storia, vogliamo ricongiungere alcuni di questi brani ai propri autori, ascoltando le versioni originali, ripercorrendone la genesi oppure dando spazio al musicista che li ha composti.

DOMENICA 26 OTTOBRE 2014
BATTITI LIVE
OY


Oy
è un duo formato da Joy Frempong e Lleluja ha (nome d'arte di Marcel Blatti), ma all'ascolto sembra un gruppo molto più numeroso. Voce, batteria, tastiere ed effetti si mescolano alle registrazioni sul campo raccolte in vari paesi africani a costruire un racconto divertente, fatto di paradossi e saggezze popolari. Una musica che riesce a trovare il gusto della sperimentazione nella leggerezza del pop, a coniugare immediatezza e sorpresa. Questa notte ve li proponiamo dal vivo in una registrazione del luglio scorso effettuata al festival Acusmatiq di Ancona. Buon ascolto!



Riascolta

Riascolta

Riascolta

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key