Radio3

Contenuti della pagina

Leggere la Bibbia

slcontent

Geremia. I miei occhi grondano lacrime
con  Elena Loewenthal
domenica 11 dicembre 2011

 


Geremia, un profeta sull’orlo dell’abisso: così lo definisce André Néher, in uno stupendo saggio sulla profezia,  L’essenza del profetismo (Marietti),  in cui mostra come Geremia, che vive e opera a Gerusalemme un po’ prima di Ezechiele, ma come Ezechiele assiste alla morte per assassinio di ben cinque re, abbia vissuto in patria quello che Ezechiele vive nell’esilio: la catastrofe e il sogno di salvezza. Geremia non morirà a Gerusalemme. Scompare, nella deportazione in Egitto. È tra i sommersi, non tra i salvati. Ma – dice Néher – per essere penetrato nei giorni del nulla ha conquistato l’incrollabile certezza di una resurrezione. Ne parliamo con Elena Loewenthal.

Sulla figura di Geremia vi invitiamo a riascoltare in podcast le cinque puntate con Enzo Bianchi, Geremia profeta in un tempo di crisi realizzate nel 2003

 

Ascolto Musicale
Al Aileh Ani Bochea  (Canto ebraico sulle parole dei versi 16 del capitolo primo delle Lamentazioni di Geremia)
Etichetta  Sojourn Records

 

 

Suggerimenti di lettura
Henry Mottu, Geremia: una protesta contro la sofferenza, Claudiana ed. 1990


Parole
L'estasi è un momento incomunicabile. Nel suo momento mistico, l'anima deve elevarsi al di sopra del livello del pensiero e dell'emozione, per trovare un punto di contatto tra il fondo dell'anima e la realtà assoluta. si tratta di un momento di silente comunione, che trascende parole, immagini e casi umani, una fuga del solo verso il Solo
                                                                                                           A. Heschel


Il profeta era in una certa misura una scienziato dello spirito. Era suo compito studiare la mente di Dio e le azioni divine verso l'uomo. Egli doveva scoprire l'atteggiamento divino verso i rapporti umani, un atteggiamento espresso non già in un arbitrario sistema di ricompense e di punizioni, ma in un ragionevole concatenamento di causa ed effetto. A lui era concesso il profondo intuito, frutto di una diretta comunicazione con Dio, di vedere con sorprendente chiarezza che un certo tipo di comportamento e un dato atteggiamento dell'anima, portava con se i segni della prosperità o del disastro
                                                                                                      H. Robinson

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key