Radio3

Contenuti della pagina

Lettere dal 15 al 21 maggio 2010

slcontent

dal 15 al 21 maggio 2010

...come mai Rachele trafuga gli idoli al padre?Ma non adoravano un solo dio?

Aspetto chiarimenti la prossima domenica....
Saluti cordialissimi.
MariaSERENA Angeri

.................................................................................................................................................................................


Questo brano l'ho trovato leggendo in questa settimana il libro di AVRAHAM BURG "Sconfiggere Hitler" - Neri Pozza. E mi è piaciuto copiarlo e inviarlo. E' una buona interpretazione? Ringrazio per la trasmissione e saluto cordialmente. Rossana

.................................................................................................................................................................................

Sono un giovane gesuita spagnolo. Ho conosciuto il vostro programma quando ero mentre studiavo a Roma due anni fa. Da allora mi sono affezionato alla ampieza del vostro sguardo su Dio e alla vostra rara e rispettosa umanità credente. Continuo ancora ad ascoltarvi grazie alle retrasmissioni tramite internet e ai preziosi podcast, dei quali ne faccio tesoro. Vorrei ringrazirvi perché siete un vero respiro di cultura religiosa seria in mezzo allo (passatemi il termine) "squallore quotidiano" di una Chiesa spagnola che fa troppo il gioco ad un laicismo sciapo, non intelligente e poco rispettoso, e sembra avere strappato le ali allo Spirito Santo, facendosi malamente terrena, malamente politicizzata. Parlo spesso di voi ai mei compagni gesuiti spagnoli, perché fate un tipo di programma che fa rivalutare la fede, la profondità del credere umano, la belleza della trascendenza, la maternità del giudaismo rispetto a noi, cristiani, il dialogo alto con la cultura e l'amore a trecento sessanta gradi per la Bibbia. Ci manca qualcosa di simile nelle onde radiofoniche spagnole!! In tanto io ringrazio la vostra presenza, le vostre fatiche e il vostro impegno (e mi godo i vostri programmi che mi servono per rinfrescare il mio italiano!). Grazie di cuore. Vi sento compagni di cammino e mi sento sollevato e rinfrancato da voi. Saluti dalla Spagna. Siete già invitati a venire qualche volta da noi, vi ospiteremo con piacere! Ti abbraccio e abbraccio in te a tutto l'equipe. Saludos cordiales

.................................................................................................................................................................................

ho ascoltato la storia del forno rotto, non era per caso una similitudine con l'arca dell'alleanza .

dopo la diaspora ecc.

Ermanno

.................................................................................................................................................................................

...Giacobbe non è un “imbroglione” seppure tra virgolette. Al contrario è un personaggio che ci dimostra che l’uomo è più importante delle regole che gli vengono imposte. Quando Giacobbe si dimostra più adatto di Esaù a sopportare il peso della primogenitura, egli diventa il “campione di Dio”, egli è "l'eletto". In questa bellissima storia la Bibbia ci insegna che non vi sono privilegi di nascita, ma è il merito di ognuno di noi a fare il destino: il Paradiso si conquista, non ci è dovuto per diritto di nascita, di rango, di ceto sociale. L’imbroglio come ci viene descritto è in realtà tutt’altro che tale. Prima di tutto Esaù cede il suo diritto, dunque non vi è usurpazione; secondo Isacco riconosce il figlio Giacobbe al suono della sua voce, ma non vuole o non sa, ascoltare quello che l’orecchio gli dice (e non dimentichiamo che la preghiera “Ascolta Israele” mette l’ascolto al primo posto dei sensi), preferisce il tatto e l’olfatto; Rebecca infine, conosce i suoi figli, chi più di lei sa quanto Giacobbe sia più adatto del fratello a un tale compito, e sappiamo quanto importante: la generazione delle 12 tribù d’Israele, soprattutto divenire lo strumento di comunicazione primario tra Dio e l’uomo nel simbolo della scala. Rebecca ha nelle sue lettere la parola “stampella” poiché fu il puntello di Giacobbe. Ma non l’aiuto che si sostituisce alla prova, come Arianna, come Medea. Rebecca costituisce la spalla di appoggio così come Dio stesso guida e appoggia gli uomini (intendendo donne e uomini) che sanno portare a compimento il loro destino.
Prof. Davide Amodio
Conservatorio "Benedetto Marcello" di Venezia

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key