Radio3

Contenuti della pagina

Agenda di Febbraio

Quando il cibo è sapere

slcontent

QUANDO IL CIBO E’ SAPERE

Sopravvivenza, Alimentazione, Piacere, Educazione, Responsabilità, Eguaglianza 

 UN PERCORSO PER CAPIRE E SPERIMENTARE LA BIODIVERSITA’ ALIMENTARE

Museo Civico di Zoologia, Via Ulisse Aldrovandi, 18 - Roma

giovedì 22 gennaio - domenica 8 marzo 2015

 

Da giovedì 22 gennaio a domenica 8 marzo 2015 sarà allestita a Roma, presso il Museo Civico di Zoologia, la mostra “Quando il cibo è SAPERE”, un percorso sensoriale-cognitivo che condurrà il visitatore a vivere e sperimentare la Biodiversità alimentare di cinque Paesi (Albania, Benin, Palestina, Perù, Repubblica Democratica del Congo). 

L’iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Creatività, Promozione Artistica e Turismo - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura, e fa parte della campagna “NUTRI ORA IL LORO DOMANI”, ideata e promossa dalla ong VIS (Volontariato Internazionale per lo Sviluppo) con la collaborazione di Amici dei Popoli, Vides Italia, WeWorld Intervita ed è realizzata grazie al contributo  della Cooperazione Italiana allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Il titolo della mostra è “Quando il cibo è SAPERE” e la parola “sapere” in questo caso è anche un acronimo nel quale ogni lettera indica diversi temi legati al cibo: Sopravvivenza, Alimentazione, Piacere, Educazione, Responsabilità, Eguaglianza.

Il percorso della mostra inizia dallo spazio sulla diversità alimentare, dove i visitatori vengono accolti e introdotti al tema. Segue poi il tipico mercatino di un villaggio sperduto del Sud America, alla ricerca delle origini dei prodotti. Dopo aver ricevuto il timbro sul passaporto e passato il check-in, si allacciano le cinture e si sale a bordo del piccolo aereo Cessna per giungere nel cuore della foresta amazzonica del Perù per una sosta nella casa tipica del popolo indigeno Achuar. Si passa quindi nello spazio dei progetti alimentari, dove è possibile conoscere i prodotti tipici dell’Albania, della Palestina, della Repubblica Democratica del Congo e del Benin. Al termine del percorso un’area multimediale consentirà di approfondire i temi trattati attraverso la visione di video-reportage, di un corto di animazione e la sperimentazione di app e giochi online  sul diritto al cibo.

Lungo il percorso il visitatore potrà toccare, vedere, ascoltare, sentire i profumi dei prodotti di terre lontane e conoscere situazioni e stili di vita dei popoli che vi abitano. Il percorso espositivo e l’approfondimento delle varie tematiche permetterà di comprendere l’importanza della biodiversità ambientale e alimentare come fattore di sviluppo umano e valorizzazione delle risorse naturali. Dopo l’affascinante esperienza della visita, grazie al materiale didattico fornito gratuitamente dal VIS, gli insegnanti potranno coinvolgere ulteriormente gli studenti in un approfondimento successivo.

La mostra è rivolta a tutti, ed in particolare agli studenti della scuola primaria e secondaria, che potranno usufruire di visite guidate appositamente predisposte.  

La visita dura circa 45 minuti.

Dopo Roma la mostra proseguirà il suo viaggio, iniziato a novembre a Salerno, a Torino e poi a Milano in occasione di Expo Milano 2015, la grande esposizione universale alla quale parteciperà, in qualità di Civil Society Partecipant, anche la Famiglia Salesiana.

 MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA - Roma, Via Ulisse Aldrovandi 18

ORARIO dalle 9 alle 19 (ultimo ingresso alle ore 18.00). Giorno di chiusura lunedi

INFO 06.67109270 – 060608 www.museodizoologia.it 

INFO E PRENOTAZIONI PER SERVIZIO DIDATTICO (visite e laboratori)  Myosotis m.m. tel. 06 97840700 – fax 06. 32609200  visite guidate sino ad esaurimento posti



ISTITUTO ORIENTALE DI NAPOLI 

Al via il progetto dell’Orientale di approfondire temi di stretta attualità mettendo in campo i maggiori esperti del settore. Mercoledì 11 febbraio alle 20.00 presso la sede dell’Orientale di Palazzo Du Mesnil (via Chiatamone 62) avrà inizio, dunque, il primo ciclo di «I saperi dell’Orientale» (appuntamento ogni mercoledì alle 20.00 fino all’8 aprile, sempre a Palazzo Du Mesnil), in questa prima tornata dedicata all’Islam e ai musulmani.

«Con “I saperi dell’Orientale” iniziamo un ciclo di conferenze, rivolte alla città, nelle quali raccontiamo il mondo islamico, complesso e variegato, e i suoi rapporti con l’Occidente, presentando i molti significati e le diverse sfaccettature di una religione e di una comunità religiosa importante per l’oggi e per il futuro.  Le conferenze sono rivolte alla città e aperte a tutti, e introdurranno gli aspetti storici, religiosi, sociali e politici che toccano l’Islam e i musulmani nell’attualità e nelle concezioni che sono entrate nella lingua comune» ha detto la Rettrice Elda Morlicchio.

 Mai come in questi ultimi mesi l’Islam e i musulmani sono stati al centro delle cronache e della politica mondiale. Gli attentati di Parigi hanno risvegliato paure e desideri di conoscere, come e più dell’11 settembre 2001. Dopo un primo incontro sul rapporto complesso ma inevitabile tra Islam e Occidente, gli incontri successivi presenteranno il rapporto nella storia tra l’Islam e la propaganda, spiegheranno parole come jihad e califfato, toccheranno la questione della legge islamica in Occidente. I sentimenti contrastanti nei confronti della modernità saranno il tema degli incontri che presenteranno il caso della Turchia e dell’Iran, quindi di tutto il Vicino Oriente dopo le Primavere arabe, e infine dell’Islam indonesiano e della Tunisia, esperienze tra loro diverse ma non meno significative e a noi vicine.

«Sarà un ciclo di incontri per offrire a tutti i primi strumenti per conoscere l’Islam e i musulmani, e per capire una religione che conta un miliardo e mezzo di fedeli» sottolinea il professore Roberto Tottoli, che inaugura questo ciclo con la prima conferenza di mercoledì dal titolo: «Islam e Occidente. Istruzioni per l’uso».

Di seguito, l’elenco completo degli appuntamenti:

11 febbraio, Roberto Tottoli: “Islam e Occidente: istruzioni per l’uso”
18 febbraio, Michele Bernardini: "Islam e propaganda”
25 febbraio, Agostino Cilardo: “Il jihad ed il Califfato islamico”
4 marzo, Carlo De Angelo: “La legge islamica (shari‘a) in Occidente”
11 marzo, Lea Nocera: “la Turchia tra laicismo e islam”
18 marzo, Natalia Tornesello: L’Iran e i suoi dilemmi”
25 marzo, Daniela Pioppi: “Caos in Medio Oriente: hic sunt leones?”
1 aprile, Antonia Soriente: “L’altro islam: l’Indonesia”
8 aprile, Ruth Hanau Santini: “Le sorprese della democrazia tunisina”

Ugo Cundari  Addetto Stampa “L’Orientale” uffstampa@unior.it 338 8684687 - 081 6909171

 



FAVOLANDO:   STORIE DA TUTTO IL MONDO

Iniziativa promossa da ForumSaD e dalla Card del Sostenitore dal 7/12/2014 al 15/2/2015.

La favola è la protagonista di tutte le infanzie, i bimbi del Nord o del Sud del Mondo ascoltano con attenzione le fiabe della loro tradizione, mamme ricche o povere donano parole che si trasformano in immagini ed avventure. Per questa ragione durante questa manifestazione proponiamo l’esposizione e la lettura di fiabe provenienti da altri Paesi.

Le Favole etniche consentono ai piccoli (e non solo!) di imparare elementi provenienti da altre tradizioni, di incuriosirsi verso altre culture e di trovare elementi in comune con i bimbi di tutto il Mondo!

Favolando: storie da tutto il mondo! vuole essere un momento interculturale, in cui la comunità solidale di Roma si apre ai piccoli cittadini, e un segno al tempo stesso, dell’attenzione della Capitale verso tutti i bambini.

L'iniziativa partirà il 7/12/2014 e terminerà domenica 15/2/2015 con una festa in maschera presso L'Altra Economia a Roma. Due mesi ricchi di momenti in cui in diverse parti di Roma si potrà ascoltare, guardare, disegnare una fiaba. 

 

Per Informazioni: Forumsad Tel/fax: 06.69921981 Cell. 377.7057898




 


 

Credits

A CURA DI Cristiana Castellotti

CONDUTTORI Anna Maria Giordano, Marina Lalovic, Anna Mazzone, Azzurra Meringolo, Dario Fabbri, Luigi Spinola, Roberto Zichittella
REGIA
Costanza Confessore
REDAZIONE
Anna Maria Giordano, Marina Lalovic

#Bringbackourgirls

Nigeria, le ragazze rapite da Boko Haram convertite all'islam





Sms

Potete inviare i vostri messaggi dalle 11.00 alle 11.30, al numero 335 563 42 96

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key