Radio3

Contenuti della pagina

Omaggio a Rudolf Nureyev a venti anni dalla morte (6 gennaio 1993)

slcontent
Rudolf Hametovic Nureyev 1938, nasce su un treno, in una regione del lago di Baikal, durante un viaggio che la madre aveva intrapreso per raggiungere il marito a Vladivostock. E' il 17 Marzo 1938.
1955 Entra nella scuola di ballo del Kirov di Leningrado, dopo aver studiato con la Udeltsova, che aveva fatto parte dei "Ballets Russes", di Serghej Diaghilev. Fa alcune esperienze al Teatro dell'Opra di Ufa.
1955-57 Partecipa ad alcuni spettacoli della scuola di ballo del Kirov.
1957-58 Danza con la compagnia del Kirov nel repertorio del teatro che prevede, tra gli altri, Il lago dei Cigni, Esmeralda, Il papavero rosso.
E' protagonista insieme con partners molto famose quali Natalia Dudinskaya, Alla Shelest Irina Kolpakova, Alla Sizova nei balletti Don Chischiotte, La Bayadère, Raimonda.
1959 Danza Giselle per la prima volta.
1961 il 17 giugno, al termine della tournée del Kirov a Parigi, riesce a scappare dall'aeroporto per chiedere asilo politico in Francia. Inizia così la Sua carriera in occidente.
Il 23 giugno, pochi giorni dopo , si esibisce ne La Bella Addormentata messa in scena dall'International Ballet del MARQUIS DE CUEVAS.
Danza anche La Sylphide, Infiorata a Genzano di Auguste Bournonville.
1962 a Londra, su invito di Margot Fonteyn , danza con il Royal Ballet: Poème Tragique, Antigone di John Cranko, Giselle, Principe lgor, Il Lago dei Cigni.
E' principale "guest artist" del Royal Ballet e forma con Margot Fonteyn la leggendaria coppia per la quale numerosi coreografi, tra i quali Frederic Ashton e Kenneth MacMillan, creano nuovi ruoli.Crea la Sua versione coreografica dello Schiaccianoci.
Debutta negli Stati Uniti con il Chicago Opera Ballet.
Partecipa allo spettacolo The bell telephone hour per la televisione tedesca.
1963 e' protagonista insieme a Margot Fonteyen in Margherita e Armando, creato per loro da Frederic Ashton.
E' in tournée con il Royal Ballet e si esibisce come protagonista in :
Petrushka,Il lago dei cigni, Amleto, Raymonda.
Su commissione del "Festival dei due mondi" di Spoleto cura la ripresa coreografica di Raymonda. Crea la sua versione di La Bayadère.
1967-68 Danza per la prima volta Apollo di George Balanchine.
Roland Petit crea per Lui e M.Fonteyn "Paradise Lost".
1969-70 Rudy van Dantzig crea per Lui The ropes of time.
Per la Scala di Milano allestisce la Sua versione dello Schiaccianoci, che interpreta insieme con Liliana Cosi.
1970-71 cominciano le riprese di I am a dancer per la televisione francese.
Interpreta per la prima volta Dances at a gathering di Jerome Robbins.
Danza Big Bertha di Paul Taylor, Chant du compagnon errant e Le Sacre du Printemps di Béjart.
1971-72 interpreta Field figures di Glen Tetley , Afternoonof a faun di Robbins, Sideshow di MacMillan, aureole e Laborintus di Paul Taylor.
1972-73 Danza ne Il Figliol Prodigo di Balanchine e ne La Pavana del Moro di Josè Limon e ,per la prima volta, con Natalia Makarova – fuggita anche Lei dal Kirov di Leningrado - ne La Bella Addormentata.
1973-74 Danza ne Il Don Giovanni di John Neumeier. Riceve il Dance Magazine Award a New York e il Prix Marius Petipa a Parigi.
1974-75 Danza in Tristano di Glen Tetley con Carolyn Carlson, Lucifero con la Martha Graham Dance Company.
Crea La Bella Addormentata per il London Festival Ballet.
Danza The Lesson di Flemming Flindt.

1976-77 Crea per il London Festival Ballet una nuova coreografia di Romeo e Giulietta. Nasce, con sedi a New York e Londra, un "Comitato per sostenere Nureyev": lo scopo è quello di promuovere delle petizioni che sollecitino le autorità sovietiche a dare un permesso alla famiglia del grande ballerino per lasciare l'URSS.
1977-78 Crea una Sua propria compagnia chiamata "Nureyev and Friends" con la quale si esibisce in Europa con coreografie prevalentemente moderne. Debutta nel mondo del cinema interpretando la parte di Rodolfo Valentino nel film Valentino del regista inglese Ken Russell.
Riceve il premio Medaille de Vermeil della città di Parigi.
1979 Crea la coreografia di Manfred per l'Opéra di Parigi.
Il Musée Grevin di Parigi gli dedica una statua in gesso.
1981 Viene organizzando per un mese, a Londra, il "Festival Nureyev".
Balla con Mikhail Baryshnikov in From the sea to shining sea di Paul Taylor.
1980 Danza Miss Julie alla Scala di Milano con Anna Razzi.
1982 Diventa cittadino austriaco.
1983 Seconda esperienza cinematografica con Exposed di James Tobak accanto a Natassja Kinsky.
Crea The Tempest di Shakespeare per il Royal Ballet.
Viene nominato direttore artistico della Compagnia di Balletto de I'Opéra di Parigi, che guiderà fino al 1987.
1984 Riceve il Queen Elisabeth II Coronation Award dalla Royal Academy of Dancing di Londra.
1985 crea, a Parigi, Washington Square.
1986 Crea Cendrillon per l'Opéra di Parigi, danza Giselle alle Seychelles e in un Gala a New York insieme a Mikhail Baryshnikov in occasione dei festeggiamenti per la Statua della Libertà, danza Miss Julie.
Ripropone la Sua versione di Raymonda.
1987 Riceve il Capezio Dance Award -con Fred Astaire e Bob Fosse- negli USA. Rientra in Russia su invito di Gorbaciov.
1988 Viene nominato Cavaliere della Légion d'Honneur dal Presidente della Repubblica, François Mitterand.
1989 Invitato dal governo russo, torna a danzare sul palcoscenico del Kirov ne La Sylphide. Interpreta il ruolo del re del Siam nel musical di
Rogers e Hammerstein " The King and I" in tournée negli Stati Uniti.
1991 Riceve il titolo di "Commandeur de l'Ordre des Arts et des Lettres" in Francia.
Debutta come direttore d'orchestra esibendosi a Vienna, Atene e Budapest.
1992 Per l'Opèra di Parigi crea, con Kourgapkina, la sua versione finale dell'intero balletto La Bayadère.
1993 Muore di AIDS il 6 Gennaio .

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key