Radio3

Contenuti della pagina

Lettere dall' 8 al 15 gennaio

slcontent

Carissima  équipe, un GRAZIE di cuore per gli appuntamenti del sabato e della domenica che seguo da 20 anni. In essi ho trovato ciò che cercavo da tempo: una parola, una guida di letture che rispondessero ai miei interrogativi e mi aiutassero a crescere in umanità. Grazie per la profondità degli argomenti e l'equilibrio con cui li trattate. Io attendo tutta la settimana questo appuntamento che  poi cerco di approfondire...Mi piace tanto anche la poesia...: ho visto che domani torna Cristina Campo!
Buon anno e buon lavoro. Statemi bene!
M.Natalia Alessi
_______________________________________________________________________________________________________

Gentile Signora, 
alle domande che Lei rivolgeva a Piero Stefani sul precetto "Amare Dio": penso che forse si può trovare una comprensione  completa del precetto secondo quella espressione di Enzo Bianchi che mi sembra fondamentale: "Quaerere Deum est quaerere hominem".  
Le pare ? Un devoto saluto  
Luca Erizzo
___________________________________________________________________________________________
Con grande apprezzamento, per il suo contenuto dopo anni che non sentivo, mi sono accorto che esiste ancora questa trasmissione, un grazie alla conduttrice e agli autori, per questa trasmissione di altissimo contenuto umano e religioso,  (i famosi devoti) riuscendo ad affrontare in modo semplice  le grandi domande della vita...
Spezzapria Camillo
Vicenza
__________________________________________________________________________________________
Crediamo che i più ideologizzati, con forte tendenza all'integralismo, siano proprio i religiosi. Con tutta la buona volontà, non riusciamo a scorgere fonte di libertà da una qualsiasi religione. Saremo, comunque, fedeli ascoltatori, ma convincetevi che siete sbilanciati a favore delle religioni, che, addirittura, trattate come verità (e qui il pensiero corre al monaco Bianchi! per non parlar del papa); forse il problema di fondo è che per noi la Bibbia è narrativa e nulla più.
Vi salutiamo con simpatia.
Carla Panariello e Sandro Marzoli
_________________________________________________________________________________________

Gentile redazione,
nel corso delle puntate ho avuto messaggi contradditori sull'elezione di Israele. Tempo fa rav Chaim Baharier ha detto che per Israele non si può parlare di elezione. Oggi invece Piero Stefani, commentando i passi del Deuteronomio, mi pare che abbia affermato il contrario. Forse bisogna intendersi sul termine. Forse con "elezione" non bisogna pensare a una scelta a senso unico, bensì a una partecipazione attiva e responsabile da parte dell'uomo. Mi piacerebbe avere comunque un chiarimento, se possibile.
Grazie e un cordiale saluto.
Rosella Marvaldi
________________________________________________________________________________________

Gentile Signora Caramore, lei ed il suo staff  fate delle magnifiche trasmissioni e vi ringrazio per questo! C'é ancora una bella Italia....  
Fabio 
_________________________________________________________________________________________                                                                         
Io invidio Benedetto XVI. Vorrei essere capace di vedere il mondo con i suoi occhi. Nell'omelia della messa dell'Epifania,  ha affermato: "L'universo non è il risultato del caso, come alcuni vogliono farci credere...Contemplandolo, siamo invitati a leggervi qualcosa di profondo: la sapienza del Creatore, l'inesauribile fantasia di Dio, il suo infinito amore per noi". Ora, io ho la capacità di vedere nell'universo la sapienza del Creatore, l'inesauribile fantasia di Dio, anche se attribuire la fantasia a Dio, mi sembra un po' un antropomorfismo, ma vada per la fantasia, ciò invece che proprio non riesco a vedere nell'universo, sicuramente per mio difetto, è l'infinito amore di Dio per gli uomini. Proprio non riesco, per quanti sforzi faccia. Il mio telescopio è puntato su quel puntino dell'universo chiamato Terra. E l'altro giorno era puntato sul Policlinico Gemelli di Roma, visitato dal Papa. Sul Centro per la cura dei bimbi con spina bifida. Anche la spina bifida è parte dell'universo. Benedetto XVI ha detto ai bimbi malati, ricordando il bimbo sanissimo che nacque a Betlemme: «Dio si è fatto come voi bambino, per starvi sempre accanto». Io al Signore dell'inesauribile amore per noi, oserei fare una proposta - preghiera: "Signore, riprenditi pure il dono di tutte le stelle dell'universo, falle svanire nel nulla,  e in cambio, con la tua fantasia, fa' che da domani non nasca mai più un bambino con spina bifida".
Miriam Della Croce
                                                                             
                                             
 

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key