Radio3

Contenuti della pagina

Il silenzio di Abram, con Marcello Kalowski

slcontent
Ogni volta che posso chiedo a mio padre di parlarmi di Lodz, della sua famiglia, di Auschwitz, nel farlo sollevo automaticamente la manica della sua camicia, mettendo a nudo il numero tatuato sul suo braccio. Mentre mi parla continuo a fissare quel numero che diventa uno schermo capace di trasformare istantaneamente le sue parole in immagini; il suo non è mai un racconto organico, coerente, solo poche frasi, lampi che illuminano per un breve istante una memoria costretta nell’oscurità. Si vede che ha fretta di chiudere l’argomento, che non vuole farmi entrare in quel mondo il cui ricordo genera troppa sofferenza; ma la sua ritrosia non mi scoraggia, anzi, perché io in quel mondo voglio assolutamente entrare. E le poche cose che mi racconta, della sua infanzia felice, dell’abbrutimento nel ghetto che aveva prosciugato persino le lacrime che sarebbe stato giusto versare per la morte del padre, dell’ultimo sguardo rivoltogli dalla madre mentre si incamminava verso le camere a gas, degli incubi che popolavano le notti ad Auschwitz, me le dice sorridendo, come se le raccontasse a se stesso.» È il 1959, il luogo è Grottaferrata, alle porte di Roma, dove un ente assistenziale ebraico sin dal primo dopoguerra forniva aiuto medico, finanziario e professionale ad alcune decine di ebrei sopravvissuti all’olocausto e bloccati in Italia nel loro esodo verso la Palestina dall’insorgere di malattie contratte nei lager nazisti. Lì iniziano i ricordi di un bambino di cinque anni che con sempre maggiore consapevolezza accetta di condividere i ricordi della vita spezzata del padre. Questo è un racconto autobiografico che ha un’ambizione: sfiorare appena la descrizione dell’esperienza nel campo di sterminio e parlare del ‘prima’ e del ‘dopo’, per testimoniare ciò che di una vita si è perso, ciò che tutti noi abbiamo perso.

Scarica i podcast di Fahrenheit   

Il libro      

Credits

Carlo D'Amicis,Michele De Mieri,Lea Gemmato, Clementina Palladini, Daniela Pirastu, Laura Zanacchi, Regia di: Benedetta Annibali A cura di: Susanna Tartaro
Conduce: Loredana Lipperini

Ricerca nell'archivio

Cerca 

Tutti i Libri dell'Anno

 
Ogni anno gli ascoltatori di Fahrenheit scelgono il loro Libro dell'Anno tra i 12 Libri del Mese. A Dicembre durante la Fiera della Piccola e Media Editoria di Roma un intero pomeriggio è dedicato all'elezione in diretta del nuovo Libro dell'Anno.  
Si può votare inviando una mail a: fahre@rai.it

Tutti i Libri dell'Anno 

Vota per il Libro del Mese






Scegli tra questi il tuo libro preferito e manda una mail a:  fahre@rai.it


Cristina Amodeo, Samantha Friedman, Il giardino di Matisse, Fatatrac

Guido Conti, Nilou e i giorni meravigliosi dell’Africa, Rizzoli


Gioacchino Criaco, Il saltozoppo, Feltrinelli


Diego de Silva, Terapia di coppia per amanti, Einaudi


Stefano Ferrio, Lo spareggio, Nutrimenti


Giuseppe Feyles, La classe scomparsa, Manni


Ilaria Gaspari, Etica dell’Aquario, Voland 


Lorenza Ghinelli, Almeno il cane è un tipo a posto, Rizzoli


Siegmund Ginzberg, Spie e zie, Bompiani


Carlo Lucarelli, Il tempo delle iene, Einaudi


Dacia Maraini, La bambina e il sognatore, Rizzoli


Michela Murgia, Chirù, Einaudi


Antonio Pennacchi, Canale Mussolini. Parte seconda, Mondadori


Gilda Policastro, Cella, Marsilio 

Luca Tortolini, Claudia Palmarucci, Le case degli altri bambini, OrecchioAcerbo


Filippo Tuena, Memoriali sul caso Schumann, Il Saggiatore

 

Tutti i libri del mese

Radio3 Twitter

Il podcast delle poesie di Fahrenheit


Finalmente puoi collezionare le voci dei nostri poeti! Il podcast della poesia del giorno di Fahrenheit.

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key