Radio3

Contenuti della pagina

Al mercato unico Europa-Usa

slcontent
Primo via libera dal Parlamento europeo al partenariato transatlantico su commercio e investimenti tra Ue e Usa, meglio conosciuto come Ttip. Con 436 voti favorevoli, 231 contrari e 32 astenuti, è stata approvata la risoluzione Lange che permette alla Commissione europea di continuare a negoziare col governo americano. Secondo il rapporto stilato dalla commissione sul commercio, il pil europeo potrebbe crescere del 15-20% entro il 2020 grazie al Ttip per l’abolizione dei dazi e delle barriere commerciali. Il decimo round dei negoziati è previsto per il 13-17 luglio a Bruxelles. L’accordo internazionale, una volta siglato, dovrà poi essere ratificato dal Parlamento europeo prima di entrare in vigore e non è detto che il voto sia positivo. “Se alla fine del negoziato l’accordo sarà negativo, lo respingeremo. Se sarà un buon accordo, voteremo a favore”, ha dichiarato il relatore del provvedimento, Bernd Lange. Il partenariato transatlantico su commercio e investimenti riguarda tutti settori economici, con la sola eccezione dei servizi pubblici. Un esempio: a causa delle diverse norme di sicurezza, le auto hanno differenti tipi di luci o cinture di sicurezza ma se verrà introdotto il principio di equivalenza degli standard di sicurezza non sarebbero più necessarie variazioni nelle linee di produzione a seconda del mercato di riferimento. Il principio è quello del “riconoscimento reciproco degli standard equivalenti” che, però, la risoluzione Lange ha voluto imitare per gli standard americani”molto diversi” come sul sistema di autorizzazione delle sostanze4 chimiche, la clonazione o i prodotti chimici per il sistema endocrino. Nella risoluzione approvata, una parte importante l’ha proprio l’alimentare. “L’agricoltura”, ha spiegato Paolo De Castro, relatore del Ttip in commissione agricoltura, “è una parte essenziale e sensibile dei negoziati. Prime stime che mostrano un mercato con un altissimo potenziale per i nostri prodotti, mercato nel quale potremo combattere il famigerato “Italian Sounding”. Il Parlamento europeo ha infatti chiesto che venga salvaguardato il sistema europeo d’indicazione geografica. Nella risoluzione Lange viene inoltre chiesto ai due partner di negoziare una “lista esaustiva” di prodotti agricoli e industriali sensibili che potrebbe essere esentata dalla liberalizzazione commerciale oppure essere sottoposta a un periodo di transizione più esteso. Inoltre, si chiede di inserire una “clausola di salvaguardia”, riservandosi il diritto di chiudere i mercati per specifici prodotti (...)

continua sul quotidiano Italia Oggi 

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Natascia Cerqueti, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Francesca Sforza



Francesca Sforza lavora alla Stampa dal 1999. Ha trascorso quattro anni a Berlino come corrispondente e due anni a Mosca. Nel corso di questo periodo all’estero è stata più volte inviata in Polonia, in Repubblica Ceca, in Slovenia e a più riprese nel Caucaso. Il suo libro “Mosca-Grozny: neanche un bianco su questo treno” (2006, Salerno Editrice) ha vinto il Premio Antonio Russo  e il Premio Maria Grazia Cutuli. Dal 2007 al 2011 ha lavorato a Torino come caporedattore del Servizio Esteri. Attualmente è responsabile dei contenuti digitali della redazione romana per il sito www.lastampa.it

Rassegna stampa
del 1 ottobre

Quello che Putin non dice - Franco Venturini - Corriere della Sera

Ripartiamo dalla maternità - Barbara Stefanelli - Corriere della Sera

"Ma dopo anni si intravede uno spiraglio" - Int. a De Mistura di Massimo Gaggi - Corriere della Sera

"No ai fondamentalisti in nome del Vangelo" - Int. a Walter Kasper di G.Guido Vecchi - Corriere della Sera

Padri naturali - Massimo Gramellini - La Stampa

Alla casa non serve solo meno fisco - Franco Bruni - La Stampa

Burocrazia, un dietrofront tra le vigne - Michele Brambilla - La Stampa

Perché difendo Obama l'indeciso - Thomas L. Friedman - La Repubblica

Libia, l'occidente cambia inviato - Vincenzo Nigro - La Repubblica

Gender, la fabbrica del pregiudizio - Maria Novella De Luca - La Repubblica

Le 2 Chiese divise su divorzio e famiglia - Paolo Rodari - La Repubblica

C'è un problema tra l'Italia e la Francia - Non solo Libia e non solo Siria - Il Foglio

Separati, non abbandonati - Maurizio Crippa - Il Foglio

La forza di vivere - Marina Corradi - Avvenire

Se questa è democrazia - Sotto attacco - Il Fatto Quotidiano 

Giannini: "Partita la caccia, il premier ha slegato i cani" - Int. a Massimo Giannini - Il Fatto Quotidiano

Mare nostro - Stop trivelle - Il Manifesto

"300 mila firme non bastano" - Int. a Pippo Civati di Daniela Preziosi - Il Manifesto



 


La Nuova Ecologia - il mensile di Legambiente di luglio-agosto 2015




Attenuare il rischio climatico rinaturalizzando le città. Adottare stili di vita flessibili per
vivere meglio e sprecare meno. Sorella resilienza. Così possiamo cogliere la sfida del cambiamento e salvaguardare la casa comune dell'umanità. All'interno un'intervista a James Lovelock. 


sito de La nuova ecologia

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key