Radio3

Contenuti della pagina

Standard & Poor's, riecco i tagliagambe

slcontent

di Marco Girardo

Come una scure che si abbatte su una pianta pronta a buttare le prime foglie: l’agenzia Usa Standard & Poor’s ha tagliato il rating dell’Italia a «BBB» da «BBB+». Appena due gradini sopra il livello «spazzatura» o «junk bond», così lo chiamano i tecnici del debito. Non solo: le previsioni per il futuro sono nere, e nei prossimi dodici mesi potrebbe arrivare un ulteriore ritocco. Naturalmente al ribasso, visto che l’outlook è negativo. «Restiamo un sorvegliato speciale», commenta a caldo il premier Enrico Letta, alle prese nelle stesse ore con una situazione politica incandescente. Quasi indispettita la reazione di chi sta cercando di far germogliare la pianta, di favorire cioè la ripresa: una decisione «non condivisibile», «retrospettiva e non di prospettiva», sussurrano nei corridoi del Tesoro. Le motivazioni dell’agenzia di rating «non sono condivisibili» perché «non si tiene sufficientemente conto delle azioni che il governo ha intrapreso» per migliorare la crescita e la competitività, ovvero i due fattori che indica S&P nel motivare la sua scelta. Il taglio del rating, dunque, «riflette una valutazione retrospettiva più che di prospettiva».

Nella scala dei valori delle agenzie di rating mancano in ogni caso appena due «taglietti» e poi l’Italia diventerà un Paese sul quale non conviene più investire. Per il debito pubblico e soprattutto per il suo rifinanziamento sarebbe un disastro. Proprio quando gli investitori esteri – l’ha confermato qualche giorno fa Maria Cannata, direttore generale del Tesoro – avevano ripreso a scommettere e quindi a investire sul nostro Paese. Il meccanismo, del resto, è semplice: più è basso il giudizio attribuito dagli analisti, più aumenta il rischio nel comprare i bond governativi.

A pesare sulla decisione di S&P sono soprattutto due fattori: l’ulteriore indebolimento dell’economia e la mancata trasmissione sull’economia reale della politica monetaria espansiva della Banca centrale europea con i tassi dei prestiti alle imprese tuttora ben sopra i livelli pre-crisi. La prima considerazione ha suscitato la reazione del Tesoro, la seconda indurrà probabilmente la Bce a pronunciarsi nel merito.

«L’azione sul rating riflette l’ulteriore peggioramento delle prospettive economiche al picco di un decennio con una crescita reale media pari al -0,04% – scrive intanto l’agenzia statunitense – Nel primo trimestre 2013 la produzione è stata dell’8% più bassa che nell’ultimo dell’anno 2007, e continua a scendere».

Per questo, prosegue S&P nella sua nota, «abbiamo abbassato la stima per il Pil 2013 a -1,9% da -1,4% visto a marzo, e da +0,5% in dicembre 2011. Nella nostra visione la bassa crescita risente in grande parte delle rigidità nel mercato del lavoro e dei mercati produttivi» aggiunge S&P, per la quale i salari sono disallineati rispetto alla produttività, pesando così sulla competitività.

Il target di bilancio dell’Italia è poi a rischio a causa dei differenti approcci del governo su come affrontare i buchi di bilancio. In particolare questa necessità nasce per S&P dalla sospensione dell’Imu sulla prima casa e dal rinvio del programmato aumento dell’Iva. «La spesa corrente è inoltre sproporzionatamente alta rispetto a quella per investimenti». L’agenzia potrebbe invece riportare l’outlook da negativo a stabile «se il governo implementerà le riforme strutturali dei mercati del lavoro, dei servizi e dei prodotti», oppure se verranno promosse «vendite di asset o privatizzazioni per ridurre il peso del debito del settore pubblico». Tutte le questioni calde sulle quali il governo sta lavorando proprio in questi giorni. E che il taglio del rating rende bollenti.

 

 

sito di Avvenire

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Natascia Cerqueti, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Francesca Sforza



Francesca Sforza lavora alla Stampa dal 1999. Ha trascorso quattro anni a Berlino come corrispondente e due anni a Mosca. Nel corso di questo periodo all’estero è stata più volte inviata in Polonia, in Repubblica Ceca, in Slovenia e a più riprese nel Caucaso. Il suo libro “Mosca-Grozny: neanche un bianco su questo treno” (2006, Salerno Editrice) ha vinto il Premio Antonio Russo  e il Premio Maria Grazia Cutuli. Dal 2007 al 2011 ha lavorato a Torino come caporedattore del Servizio Esteri. Attualmente è responsabile dei contenuti digitali della redazione romana per il sito www.lastampa.it

Rassegna stampa
del 1 ottobre

Quello che Putin non dice - Franco Venturini - Corriere della Sera

Ripartiamo dalla maternità - Barbara Stefanelli - Corriere della Sera

"Ma dopo anni si intravede uno spiraglio" - Int. a De Mistura di Massimo Gaggi - Corriere della Sera

"No ai fondamentalisti in nome del Vangelo" - Int. a Walter Kasper di G.Guido Vecchi - Corriere della Sera

Padri naturali - Massimo Gramellini - La Stampa

Alla casa non serve solo meno fisco - Franco Bruni - La Stampa

Burocrazia, un dietrofront tra le vigne - Michele Brambilla - La Stampa

Perché difendo Obama l'indeciso - Thomas L. Friedman - La Repubblica

Libia, l'occidente cambia inviato - Vincenzo Nigro - La Repubblica

Gender, la fabbrica del pregiudizio - Maria Novella De Luca - La Repubblica

Le 2 Chiese divise su divorzio e famiglia - Paolo Rodari - La Repubblica

C'è un problema tra l'Italia e la Francia - Non solo Libia e non solo Siria - Il Foglio

Separati, non abbandonati - Maurizio Crippa - Il Foglio

La forza di vivere - Marina Corradi - Avvenire

Se questa è democrazia - Sotto attacco - Il Fatto Quotidiano 

Giannini: "Partita la caccia, il premier ha slegato i cani" - Int. a Massimo Giannini - Il Fatto Quotidiano

Mare nostro - Stop trivelle - Il Manifesto

"300 mila firme non bastano" - Int. a Pippo Civati di Daniela Preziosi - Il Manifesto



 


La Nuova Ecologia - il mensile di Legambiente di luglio-agosto 2015




Attenuare il rischio climatico rinaturalizzando le città. Adottare stili di vita flessibili per
vivere meglio e sprecare meno. Sorella resilienza. Così possiamo cogliere la sfida del cambiamento e salvaguardare la casa comune dell'umanità. All'interno un'intervista a James Lovelock. 


sito de La nuova ecologia

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key