Radio3

Contenuti della pagina

Forme e volumi nella moda tra '500 e '600

slcontent

La nuova moda tra ’500 e ‘600, un’ampia esposizione di venti opere pittoriche a tema che dialogano negli spazi della Villa con venti abiti di scena contemporanei provenienti dalla Sartoria Farani e una selezione di tessuti d’epoca, merletti e galloni del Museo Civico d’Arte di Modena, per raccontare l’evoluzione della moda e del costume in Europa dagli inizi del ’500 sino al secolo successivo.

L’abito, dunque, come specchio dei tempi e rappresentazione dei cambiamenti storico-culturali delle diverse epoche: dal Rinascimento italiano che esalta bellezza e armonia, all’austerità della Controriforma sino al nuovo stile francese e spagnolo del ’600 che segna la fine della moda italiana in quel particolare periodo. Panneggi, ampie volumetrie di stoffe, evidenti scollature, corpetti strutturati per le donne; attenzione ai dettagli e volumi più contenuti per gli uomini: tutto questo è visibile nei ritratti provenienti da ricche collezioni private e pubbliche, come quelle della Galleria Estense e del Museo Civico di Modena, dell’Accademia Nazionale di San Luca a Roma, del Castello Odescalchi di Bracciano e di Palazzo Chigi ad Ariccia;  del Museo Nazionale di Palazzo Venezia e della Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Corsini a Roma, del Museo di Palazzo Ducale a Mantova.

 

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key