Radio3

Contenuti della pagina

The Family

slcontent

Lo scandalo che ha travolto il "cerchio magico" leghista porta alla luce un modo di gestire il potere che ha una lunga tradizione nel nostro paese.

Se volete trovare la famiglia esagerata, se cercate il sud familista tipizzato e mostrificato dalla sociologia, se avete nostalgia dell'antico Meridione eccessivo di "mammeta, pateto, frateto e sorete", è al Nord che dovete andare. A Gemonio infatti casa Bossi è più napoletana di casa Cupiello, che in fondo è solo teatro. E gli affiliati e i compari sono più cosca nella Brianza che nella Corleone di oggi. Solo a Gemonio e non più a Passopisciaro potete stipare, in uno stesso camper, il padre bauscia in canottiera e la mamma "mavara" che prepara la teglia di polenta ma ogni tanto molla sganassoni ai ragazzi e la sera si dedica ai riti magici. E, nei sedili di dietro, tanti figli mammoni, tonti e spacconi, che mostrano il petto alle ragazze ma, ad ogni sorpasso, fanno il gesto dell'ombrelloe le corna. Nel mezzo,a dividere i ragazzi che, scomposti, litigano e scalciano, c'è la comare, l'energica zia Rosy, ma con il fidanzato furbetto che allunga le mani. Aggiungete i cani akita, l'ombrello da spiaggia, sul tetto una camera d'aria da usare al mare come un salvagente e, per completare la famiglia Bossi, liberate quell'armamentario espressivo fatto di pernacchie e diti medi di cui al Sud ormai ci si vergogna e che invece in un pezzo di nord è il codice della classe dirigente. Sembra un film comico, un paradossale Verdone, ma è invece la realtà. Non un'opera dell'ingegno espressionista della commedia all'italiana ma il profondo suda pochi chilometri da Milano, la rinascita perfetta del meridionale scomparso: Franchi e Ingrassia, Tiberio Murgia, don Fefè, Saro Urzì e tutte le maschere della pizza e della pasta al sugo. In fondo non c'è mai stato uno studioso, se si escludono gli allievi dell'antropologia criminale di Lombroso, che abbia analizzato la famiglia delle valli settentrionali. E se è vero che Bossi, come spiega Ilvo Diamanti, «ha rovesciato la questione nazionale storicamente identificata con il mezzogiorno» e ha interpretato «la cosiddetta questione settentrionale espressa dalle provincie pedemontane del Lombardo e del Veneto» èmolto probabile che anche questa sua famiglia sia tipica e paradigmatica di quella Pedemontania. In mancanza di antropologi, possiamo tuttavia ricorrere alla letteratura, da Tozzi a Bacchelli a Pasolini, ai documentari televisivi di Mario Soldati, e alle vecchie, straordinarie parodie di Tognazzi e Vianello: - Scusi, lei èil signor Luison Borbottin?. «Prego, Borbottin Luison». - Vedo che sta lavorando a questo tronco. «Troncio». - E cosa ne  ricava? «Uno stuzzicadenti e tanti trucoli». - Vuole dire trucioli! «Voi turisti ignoranti li chiamate così ma qui nella val Clavicola sono il troncio e i trucoli». - E quanto tempo ci mette a fare uno stuzzicadenti? «Sei o sette mesi se ci lavora tutta la famiglia, anche le donne e il cane». Sono idealtipi dal vago sapore razzista che, con il tempo, sono diventati monumenti definitivi, appaiati al brigante di Modugno, alle coppole storte: il valligiano del Nord e il sanfedista del Sud,

fratelli di sangue, gemelli di caverna premoderna. Pensavamo che tutto questo folclore fosse sepolto insieme ai nonni dell'Italia rurale, spazzato via dai tempi: credevamo che i dinosauri si fossero estinti.E invece Bossi ci svela che la famiglia  del valligiano è il perfetto paradigma studiato da Banfield in Lucania, con tutti quei trucchi e quell'origine da contadinello inurbato: «imbrogliavo la fame con un panino», «vivevo spesso ai limiti della legalità». E poi c'èla Scuola Radioelettra, la finta laurea e i titoli comprati, il dialetto e le pulsioni pasoliniane nel rapporto con la terra madre, «la terra del rimorso» come l'antropologo De Martino chiamava il Salento dei tarantolati, la zona della magia, mille paesini tutti uguali e tutti inaciditi dalla voglia di risarcimento sociale. E persino l'odio per Roma èlo stesso borbottio, al Nord come al Sud, che al degrado immorale della capitale dàla colpa di una marginalitàstorica e geografica: «la vera mafia sta a Roma» diceva il vecchio Napleoene Colajanni, quello ottocentesco, e «Roma ladrona» dice Bossi ancora nel 2012. E ci sono i figli mammoni, le patacche, la famiglia come pasticcio e come bandiera, la famiglia come impresa, non societàper azioni ma societàper parenti. Anche il linguaggio e i simboli sono modesti e domestici. Quella scopa nelle mani di un ex ministro degli Interni di uno dei Paesi piùindustrializzati del mondo non èla scopa bolscevica che spazzava via i b anchieri ma lo strumento della mamma massaia che insegue i figli monelli. Con la differenza che al sud ci sono madri che consegnano i figli traditori ai loro carnefici. Nel mezzogiorno mafioso viene sacrificato il legame naturale agli interessi della famiglia allargata, alla cosca. Solo al Nord resiste l'antico familismo del signor Borbottin Luison, del Bossi che familizza persino gli elementi irriducibili: un intero partito, oppure la badante che nel meridione èinvece tenuta a distanza in un rapporto di sudditanza e mai di predominio come quel Clemenza del "Padrino", capobastone fidatissimo che perònon asservisce mai il padrone, non realizza certo la dialettica hegeliana nel cuore della mafia. L'unico elemento di modernitàèquel "family" che il tesoriere della Lega aveva scritto sulla piùpreziosa delle cartelline, family come principale voce di bilancio, la parola inglese per ingentilire il delitto, per nascondere l'ingombrante scandalo, un gioco linguistico di copertura che alla fine ottiene l'effetto opposto.  Family èinfatti l'ironia disperata di quel tesoriere gorilla che sembra il gemello di Modugno: «Mammeta, pateto, frateto, nonneta, soreta, zieta... o cane. Aaaaaaaaahhh! Iatevenne, iatevenne».

da "La Repubblica" del 12 aprile 2012 pag.20

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Natascia Cerqueti, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Francesca Sforza



Francesca Sforza lavora alla Stampa dal 1999. Ha trascorso quattro anni a Berlino come corrispondente e due anni a Mosca. Nel corso di questo periodo all’estero è stata più volte inviata in Polonia, in Repubblica Ceca, in Slovenia e a più riprese nel Caucaso. Il suo libro “Mosca-Grozny: neanche un bianco su questo treno” (2006, Salerno Editrice) ha vinto il Premio Antonio Russo  e il Premio Maria Grazia Cutuli. Dal 2007 al 2011 ha lavorato a Torino come caporedattore del Servizio Esteri. Attualmente è responsabile dei contenuti digitali della redazione romana per il sito www.lastampa.it

Rassegna stampa
del 1 ottobre

Quello che Putin non dice - Franco Venturini - Corriere della Sera

Ripartiamo dalla maternità - Barbara Stefanelli - Corriere della Sera

"Ma dopo anni si intravede uno spiraglio" - Int. a De Mistura di Massimo Gaggi - Corriere della Sera

"No ai fondamentalisti in nome del Vangelo" - Int. a Walter Kasper di G.Guido Vecchi - Corriere della Sera

Padri naturali - Massimo Gramellini - La Stampa

Alla casa non serve solo meno fisco - Franco Bruni - La Stampa

Burocrazia, un dietrofront tra le vigne - Michele Brambilla - La Stampa

Perché difendo Obama l'indeciso - Thomas L. Friedman - La Repubblica

Libia, l'occidente cambia inviato - Vincenzo Nigro - La Repubblica

Gender, la fabbrica del pregiudizio - Maria Novella De Luca - La Repubblica

Le 2 Chiese divise su divorzio e famiglia - Paolo Rodari - La Repubblica

C'è un problema tra l'Italia e la Francia - Non solo Libia e non solo Siria - Il Foglio

Separati, non abbandonati - Maurizio Crippa - Il Foglio

La forza di vivere - Marina Corradi - Avvenire

Se questa è democrazia - Sotto attacco - Il Fatto Quotidiano 

Giannini: "Partita la caccia, il premier ha slegato i cani" - Int. a Massimo Giannini - Il Fatto Quotidiano

Mare nostro - Stop trivelle - Il Manifesto

"300 mila firme non bastano" - Int. a Pippo Civati di Daniela Preziosi - Il Manifesto



 


La Nuova Ecologia - il mensile di Legambiente di luglio-agosto 2015




Attenuare il rischio climatico rinaturalizzando le città. Adottare stili di vita flessibili per
vivere meglio e sprecare meno. Sorella resilienza. Così possiamo cogliere la sfida del cambiamento e salvaguardare la casa comune dell'umanità. All'interno un'intervista a James Lovelock. 


sito de La nuova ecologia

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key