Radio3

Contenuti della pagina

Dedicato alle percussioni

slcontent

Martin Grubinger, "l'uomo che parla ai tamburi", con l'energia dei suoi 32 anni e un'innata simpatia che comunica istintivamente anche sulla scena, in pochissimi anni ha conquistato pubblico e critica che hanno trovato in questo dinamico giovane salisburghese non solo un funambolo delle percussioni ma un personaggio fuori dagli schemi del mondo della musica classica. 


Martin Grubinger è stato intervistato da Francesco Antonioni in occasione della sua presenza all’Auditorium Parco della Musica per il concerto della stagione dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, nel quale è stato protagonista con la sua moltitudine di strumenti a percussione, della composizione di Peter Eötvös “Speaking drums”, con la direzione dello stesso autore.




Perfetto quindi l'abbinamento con il volume di Guido Facchin "Le Percussioni. 
Storia e tecnica esecutiva nella musica classica, contemporanea, etnica e d’avanguardia",  un libro, in cui l’autore si propone di guidare, attraverso ogni secolo e latitudine geografica, il lettore professionista, lo studioso o il semplice appassionato alla scoperta e alla conoscenza delle Percussioni non solo nella

tradizione colta occidentale ma anche in quella etnica, fino ai generi musicali più recenti quali il jazz e il rock, inserendo anche informazioni relative all’origine di alcuni strumenti scarsamente conosciuti. Un libro che descrive, mediante una dettagliata scheda per ogni strumento, la propria origine, l’evoluzione storica, la morfologia, le caratteristiche sonore e tecniche di esecuzione, accompagnate da una ricca documentazione iconografica. A questa sezione di carattere sistematico segue una parte dedicata agli effetti sonori, alle attrezzature complementari, alle membrane e pelli, ai sostegni e supporti, e ai materiali per l'insonorizzazione.

Sono inoltre presenti innumerevoli esempi musicali e simbolici rappresentativi delle attuabili notazioni per l’impiego compositivo con la trattazione specifica dei vari sistemi grafici anche per la strumentazione delle percussioni in orchestra. A conclusione di ogni scheda c’è la descrizione degli effetti sonori possibili che si ottengono dall’uso dei vari supporti ausiliari quali sono le mazzuole, le bacchette, i battenti, le mazze con esempi del loro impiego nelle varie composizioni. Nel volume è inoltre presente la classificazione degli strumenti a percussione in base al loro registro e al sistema di percussione, e l’indice completo degli strumenti citati tradotto in varie lingue. Un libro che rappresenta quindi, una piccola biblioteca che abbraccia l’intero mondo delle percussioni classiche, etniche e d’avanguardia. 

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key