Radio3

Contenuti della pagina

Arte in un click -Van Gogh alive

slcontent
Di grande effetto, travolgente, emozionante, immersiva, la mostra fa vivere il mondo di Van Gogh in alta definizione proiettando su tutte le superfici dello spazio espositivo – dalle pareti al soffitto, al pavimento – oltre 3000 immagini di dipinti, bozzetti, lettere dell’artista. Accompagnato da una potente colonna sonora, il pubblico si trova ad abitare le opere del pittore olandese, per esempio ad ammirare una Notte stellata sulla riva del Rodano, a camminare accanto ai tavolini della Terrazza del caffè di Arles, a calpestare i Girasoli, a vagare nel Campo di grano con volo di corvi… Una sinfonia di colori, luci e suoni trascina il visitatore in un mondo virtuale e affascinante, dove le immagini cristalline e lucidissime restituiscono la vivacità dei colori vangoghiani, mentre le visioni ravvicinate dei dipinti permettono di osservare i dettagli delle opere, di individuare le pennellate, di conoscere la gestualità espressiva e gli accesi cromatismi del maestro, acquisendo le chiavi di lettura per comprendere il suo tumultuoso universo creativo.

Lo stampo della mostra, in effetti, è dichiaratamente divulgativo e didattico, volendo questa essere propedeutica ad una grande rassegna che Milano dedicherà al pittore olandese nel 2014: Van Gogh Alive si propone dunque di avvicinare il pubblico all’arte di Vincent, attraverso una modalità inconsueta e entusiasmante che punta a un target molto ampio e vario, offrendo un’esperienza multisensoriale. Pensare a questa esposizione in termini tradizionali comporterebbe forse una svalutazione della stessa, impregnata com’è di spettacolarizzazione dell’opera d’arte che di fatto è altrove. Invece, acquista maggiore interesse se considerata nell’ottica giusta, ossia quella di essere preliminare alla vera e propria mostra su Van Gogh: come quando, dopo tempo passato a vedere i dipinti sui libri, finalmente li si ammira dal vivo, a Milano i visitatori potranno conoscere l’attività di Van Gogh e osservare le sue opere proiettate in HD per poi goderne dal vero.

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key