Radio3

Contenuti della pagina

Si uccide col fuoco per le tasse

slcontent

Equitalia: la vedova paghi 60mila euro


Un anno e mezzo fa la crisi le portò via il marito, morto suicida davanti all’Agenzia delle Entrate di Bologna. Oggi, Tiziana Marrone si ritrova tra le mani la beffa più atroce: una cartella di Equitalia da oltre 60mila euro di debiti. Un cumulo di Irpef, Iva, addizionali regionali e imposte sulle attività produttive che risalgono al triennio 2005-07 e che ha ‘ereditato’ in virtù della comunione dei beni con l’uomo che amava. Quando ha aperto la busta, Tiziana non ha creduto ai propri occhi.

Soprattutto ripensando alla promessa che le aveva fatto il direttore dell’Agenzia Attilio Befera quel tragico 28 marzo 2012, quando Giuseppe Campaniello ancora agonizzava su un letto di ospedale, dopo essersi dato fuoco davanti alle sedi delle commisioni tributarie: «Siamo estrememente dispiaciuti — disse a caldo Befera —; seguiremo attentamente questa situazione per non creare ulteriori problemi».

Come no. Il 25 ottobre Equitalia le ha spedito la cartella, con tanto di maxibollettino postale da 60mila euro. «Sono senza pietà, io non c’entro niente col lavoro di mio marito», spiega Tiziana che nei mesi scorsi ha anche organizzato una marcia delle vedove della crisi, un’iniziativa finita sui giornali di mezza Europa. «Io non ho i soldi per pagare quella cifra, al momento non ho neanche un lavoro», racconta.

Gli ultimi sei mesi li ha passati in Abruzzo, a casa, al fianco della madre malata: «Attualmente vivo con la pensione di reversibilità di mio marito, neanche 500 euro al mese». La sua storia, il suo coraggio nel reagire al dramma, l’ha portata a scrivere lettere al Presidente della Repubblica, a numerosi politici, persino al Papa: «Ma nessuno mi ha mai risposto. E chi ha promesso di farlo, poi non si è più sentito». Tiziana è consapevole che, secondo le norme, quanto è accaduto è corretto: «Ma le leggi si cambiano, tutto si può fare quando lo si vuole fare. E deve esistere anche un briciolo di umanità».

E oggi chiede un aiuto: «Mi sono rivolto alle istituzioni per avere un lavoro o un sussidio, ma mi hanno risposto che non ne ho diritto. Ma a 50 anni un lavoro non te lo dà più nessuno di questi tempi?». Anche il marito, togliendosi la vita, lasciò un biglietto chiedendo di «lasciare in pace» la moglie. Lei, spiegava, non c’entrava niente con quelle pendenze col Fisco che gli avevano rovinato l’esistenza. L’Agenzia delle Entrate gli aveva chiesto, infatti, più di 100mila euro, per di più a causa di sovrafatturazioni emerse nel controllo della dichiarazioni dei redditi. Un’accusa respinta da Giuseppe che aveva, invano, fatto ricorso, decidendo, poi, di patteggiare la pena. La stessa mattina dell’udienza, però, si è dato fuoco.

Il Resto del Carlino del 30.11.2013

Credits

A cura di Paola De Monte
In redazione:
Maria Chiara Beraneck, Natascia Cerqueti, Marco Pompi, Gianfranco Rossi

Francesca Sforza



Francesca Sforza lavora alla Stampa dal 1999. Ha trascorso quattro anni a Berlino come corrispondente e due anni a Mosca. Nel corso di questo periodo all’estero è stata più volte inviata in Polonia, in Repubblica Ceca, in Slovenia e a più riprese nel Caucaso. Il suo libro “Mosca-Grozny: neanche un bianco su questo treno” (2006, Salerno Editrice) ha vinto il Premio Antonio Russo  e il Premio Maria Grazia Cutuli. Dal 2007 al 2011 ha lavorato a Torino come caporedattore del Servizio Esteri. Attualmente è responsabile dei contenuti digitali della redazione romana per il sito www.lastampa.it

Rassegna stampa
del 1 ottobre

Quello che Putin non dice - Franco Venturini - Corriere della Sera

Ripartiamo dalla maternità - Barbara Stefanelli - Corriere della Sera

"Ma dopo anni si intravede uno spiraglio" - Int. a De Mistura di Massimo Gaggi - Corriere della Sera

"No ai fondamentalisti in nome del Vangelo" - Int. a Walter Kasper di G.Guido Vecchi - Corriere della Sera

Padri naturali - Massimo Gramellini - La Stampa

Alla casa non serve solo meno fisco - Franco Bruni - La Stampa

Burocrazia, un dietrofront tra le vigne - Michele Brambilla - La Stampa

Perché difendo Obama l'indeciso - Thomas L. Friedman - La Repubblica

Libia, l'occidente cambia inviato - Vincenzo Nigro - La Repubblica

Gender, la fabbrica del pregiudizio - Maria Novella De Luca - La Repubblica

Le 2 Chiese divise su divorzio e famiglia - Paolo Rodari - La Repubblica

C'è un problema tra l'Italia e la Francia - Non solo Libia e non solo Siria - Il Foglio

Separati, non abbandonati - Maurizio Crippa - Il Foglio

La forza di vivere - Marina Corradi - Avvenire

Se questa è democrazia - Sotto attacco - Il Fatto Quotidiano 

Giannini: "Partita la caccia, il premier ha slegato i cani" - Int. a Massimo Giannini - Il Fatto Quotidiano

Mare nostro - Stop trivelle - Il Manifesto

"300 mila firme non bastano" - Int. a Pippo Civati di Daniela Preziosi - Il Manifesto



 


La Nuova Ecologia - il mensile di Legambiente di luglio-agosto 2015




Attenuare il rischio climatico rinaturalizzando le città. Adottare stili di vita flessibili per
vivere meglio e sprecare meno. Sorella resilienza. Così possiamo cogliere la sfida del cambiamento e salvaguardare la casa comune dell'umanità. All'interno un'intervista a James Lovelock. 


sito de La nuova ecologia

Riascolta

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key