Radio3

Contenuti della pagina

Leggere la Bibbia

slcontent

Numeri  18-21  Il serpente di rame
con
Stefano Levi Della Torre
Domenica 11 dicembre 2010
 

Per proseguire nella lettura del Libro dei Numeri, quando il popolo di Israele vacilla nella fiducia di arrivare alla fine alla terra promessa fino al punto di rimpiangere la schiavitù in Egitto, ci rivolgiamo a Stefano Levi Della Torre, che nel rapporto con il testo biblico ama “cimentarsi col carattere ipotetico della nostra comprensione dei fatti, delle parole e delle Scritture”. Stefano Levi  Della Torre è pittore, ma la sua origine ebraica, la sua curiosità intellettuale, e il suo spirito amante della giustizia, lo hanno portato ad affrontare l’esegesi biblica e a  indagare i drammi della nostra modernità.  In questa puntata  analizzeremo alcune figure problematiche  dei capitoli centrali del Libro: quella della “vacca rossa” il cui sacrificio servirà a produrre una acqua di purificazione; quella di Mosè e Aronne che, per aver battuto la roccia col bastone, saranno condannati a non entrare nella terra promessa; quella del “serpente di rame”: un amuleto che contraddice il divieto di idolatria o un’altra cosa?

 

Ascolto Musicale:
Jan Disma Zelenka, Lusinghe mendaci, dalla cantata sacra "Il serpente di bronzo" - etichetta Nibiru

 

Suggerimenti di lettura:
Rashi di Troyes, Commento ai Numeri, a cura di Luigi Cattani, Marietti 2009

 

 

Parole
Ho cominciato a studiare qualche pagina del Talmud verso i quarant’anni, dopo la morte di mio padre, per una specie di teshuvà, di conversione non religiosa, ma ispirata a un senso di appartenenza ad una  storia millenaria… Non sono diventato né un credente né un shomer mizwot (un custode dei comandamenti), ma al Talmud mi sono avvicinato  con ammirazione e affetto. Affetto per qualcosa che riguarda i miei antenati e me stesso; ammirazione, per un’elaborazione che non vuole essere un pensiero unico al pari di un  catechismo, ma è al contrario, per programma, un pensiero multiplo, a più voci e più tesi; che affida al lettore lo stesso compito che si sono assunti i suoi protagonisti: quello di interpretare. Cioè di cimentarsi col carattere ipotetico della nostra comprensione dei fatti, delle parole e delle Scritture.
                                                                                            Stefano Levi Della Torre

 

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key