Radio3

Contenuti della pagina

Sotto la lente: Jean Philippe Rameau

slcontent


Considerato come maggior teorico dei suoi tempi e abile organista, autodidatta, Jean Philippe Rameau, nato a Digione nel 1683 e morto a Parigi nel 1764, è stato autore di numerose composizioni per clavicembalo, dedicandosi alla carriera teatrale solo dal 1733 con circa 30 lavori. Il suo “Traité de l'harmonie reduite à ses principes naturels” , uno degli scritti teorici più importanti del Settecento, segnò la nascita della moderna teoria assetto razionale. Come compositore, egli badò - anche nell'opera - a valori di ricchezza e di logica nel discorso musicale, discorso di dell'armonia e con lui le pratiche armoniche trovarono il nuovo cui egli pose la ragione sintattica nell'armonia, ma, novatore nella tecnica armonica e orchestrale, rimase ostinatamente fedele alla tradizione dell'opera lullista che si estinse con lui.





Nonostante il suo nome abbia conservato un grande prestigio dopo la sua morte, la produzione teatrale di Rameau è stata, negli ultimi 140 anni, dimenticata e ignorata e l'inizio di un rinnovamento progressivo della sua produzione si ebbe soltanto nel XX secolo quando la Schola Cantorum diretta da Charles Bordes rappresentò per la prima volta “La Guirlande”. Rameau riapparve quindi nei repertori, dapprima con difficoltà, poi con sempre più successo e la maggior parte dei suoi lavori teatrali è oggi disponibile in registrazioni di alta qualità

 

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key