Radio3

Contenuti della pagina

Questioni

slcontent

Fedi per la dignità
con Roberta Dapunt, Adriana Valerio

                                                    Andrew Wyeth,  Christina Olson


La dignità degli esseri umani – la dignità di ogni creatura – questo il tema al centro della puntata di oggi. Dignità del debole, dignità del povero, dignità dello straniero, dignità di chi è marginale nella società in cui si trova a vivere. Ogni tradizione religiosa, al suo centro, pone la dignità delle creature. Ma non sempre in maniera evidente, non sempre in modo da poter superare le contraddizioni del tessuto patriarcale in cui ha avuto origine, e soprattutto non sempre le persone che aderiscono alle diverse tradizioni compiono lo sforzo per riconoscere il “principio” dignità custodito delle proprie Scritture. Ne parliamo con Roberta Dapunt, che nelle sue ultime poesie eleva la malattia alla dignità di “beatitudine” e con Adriana Valerio, che da biblista e studiosa di cristianesimo rinviene nelle Scritture bibliche un filo rosso di dignità riservata al femminile. Ma allora come mai la tradizione religiosa ha conservato nei secoli la forte impronta patriarcale delle origini? E se ci si discostasse, talvolta, dalla lettera del testo, non sarebbe un guadagno per tutti?



Suggerimenti di lettura

Roberta Dapunt, La terra più del paradiso, Einaudi ed. 2008
Roberta Dapunt, Le beatitudini della malattia, Einaudi 2013
Adriana Valerio, Le ribelli di Dio -  Donne e Bibbia tra mito e storia, Feltrinelli 2014
La Bibbia e le donne: collana di esegesi, cultura e storia. Edizione italiana a cura di Adriana Valerio, Il pozzo di Giacobbe Editore 2009 




Parole
Paolo non sapeva . S'egli dal cielo volendo Iddio potrà conoscere, o avrà conosciuto, gli errori da lui insegnati sul conto del sesso umano femminile, dovrà esclamare: "Sorelle, io non sapevo che voi siete le coadiutrici di Dio, le madri delle anime, le apostole nate per condurre al Cielo" 
                                                                    
Elisa Salerno da "Le ribelli di Dio"



Che mi sia consentito dire: le beatitudini della malattia,
poichè nella mente hai raggiunto la condizione perfetta
dei ricordi che non hanno più occhi e non si guardano
indietro.
Davanti a me ci sei tu, il tavolo di sempre e la sedia.
E il giorno che guardi fuori dalla finestra. 
E' configurazione proporzionata la vostra,
di una distanza ormai sicura. 
Roberta Dapunt - "Le beatitudini della malattia"


                                                                                   Ciaminades - Val Badia (BZ)

Credits

Un programma di Gabriella Caramore
a cura di Paola Tagliolini
regia di Ornella Bellucci
consulenza musicale di Cristiana Munzi
in conduzione Benedetta Caldarulo,
Irene Santori
(Storie)
Gabriella Caramore (Questioni)
Via Asiago n. 10 - 00195 Roma

Moni Ovadia a Uomini e Profeti

Guarda la fotogallery >>

Lettere a U&P



E’ stato interessante il discorso sulla bellezza di domenica scorsa. Riflettendoci su vorrei sottolineare che esiste anche una seduzione negativa delle cose e che sarebbe opportuno evidenziare la differenza tra la seduzione di cui avete parlato, riferita alla bellezza legata alla verità,  e quella che invece riesce ad attrarre per la sua capacità di mimetizzare il vuoto a lei sottostante...

Calendario interreligioso

Appuntamenti

Leggere la Bibbia


Pablo Picasso, Ragazza che legge al tavolo Le letture bibliche di Uomini e Profeti in podcast >> Per  leggere i contenuti clicca su  archivio >>

ALTRE LETTURE


 














Medhat Shafik - Porta D'Oriente
Riascolti di Uomini e Profeti in  Podcast >>

Riascolta

Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key