Radio3

Contenuti della pagina

1° Festival di Musica Concentrazionaria e Degenerata Viktor Ullmann

slcontent

Un festival unico organizzato dall'associazione Musica Libera. Per concentrazionaria si intende «la musica composta dai deportati nei campi di concentramento e ghetti nazisti tra gli anni '30 e metà degli anni '40 del Novecento - ha spiegato Davide Casali presidente dell'associazione intervistato da Stefano Valanzuolo - mentre quella degenerata, termine usato dal Terzo Reich, era la musica che il governo nazista considerava decadente e dannosa poiché non rientrava nei canoni prefissati».
Tredici gli eventi ad ingresso gratuito sparsi per la regione (anche a Montereale Valcellina e Gorizia) contenuti nel programma del Festival dedicato a Viktor Ullmann, compositore deportato nel ghetto di Theresienstadt - dove continuò a scrivere musica - e morto ad Auschwitz nel 1944. Nel 1918 soggiornò alcuni mesi a Trieste ed ebbe modo di esibirsi in alcuni concerti.

 

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key