Radio3

Contenuti della pagina

IL GIARDINO INASPETTATO. Trasformare angoli di cemento in spazi verdi

slcontent

Il giardino inaspettato, firmato da Emanuele Bortolotti, visionario architetto di giardini e di paesaggi, lancia una sfida alla città sul tema della valorizzazione degli spazi verdi. Per l’autore esiste un enorme potenziale di piccoli spazi e aree private, al di là delle grandi sgiardinotrategie di sviluppo del verde urbano, su cui è possibile lavorare in tempi brevi e tramutare in angoli verdi, in grado di cambiare l’immagine e la fruibilità della città. Compito del paesaggista è quello di saper convertire i limiti architettonici in opportunità e proporre soluzioni innovative secondo un nuovo vocabolario che parla di tetti verdi, giardini pensili, patio, pareti vegetate, muri verdi, bosco verticale, metrobosco, orti diffusi….

Scrive Bortolotti nell’introduzione: ‘Mi sono stancato di vedere cortili tristi e senza verde, dove il gioco dei bambini e le biciclette sono banditi, distese infinite di tetti vuoti e grigi […] Ho immaginato una città di cortili verdi, utilizzati da adulti e bambini, dove si torna a giocare e a parlarsi e dove possono sostare le biciclette, tetti ricoperti di vegetazione e giardini pensili da usare, cavedi trasformati in cuori verdi e in patio al centro delle abitazioni e degli uffici…

 

Credits

Curatori
Monica D'Onofrio, Paola Damiani e Stefano Roffi
Redazione
Leda Bianchi, Giorgia Niso
Regia
Chiara D'Ambros
Conduttori
Francesco Antonioni, Oreste Bossini, Nicola Campogrande, Riccardo Giagni, Andrea Ottonello, Andrea Penna, Stefano Valanzuolo, Guido Zaccagnini

Sede Rai di Milano:
Nicola Pedone





Access key

La navigazione di questo sito è agevolata dalle access key, tramite le quali è possibile accedere alle funzioni e ai contenuti principali del sito.

Sono state definite le seguenti access key